ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Articoli

La squadra di Trump

La politica del neo presidente dipende dallo staff. Ecco i nomi

di Giuseppe Pennisi - 14 novembre 2016

Esiste un No positivo

Gianfranco Pasquino risponde a Galli della Loggia

di Gianfraco Pasquino - 13 novembre 2016

Capitale umano e produttività

Tecnologia e cervelli le chiavi per aprire la strada della ripresa

di Enrico Cisnetto - 06 novembre 2016

Sdemonizzare

Come cominciare a vincere il post-referendum

di Gianfranco Pasquino - 05 novembre 2016

Pensando al domani

La politica italiana non è mai stata così lungimirante. E Berlusconi tornerà protagonista

di Massimo Pittarello - 05 novembre 2016

Risparmio senza crescita

Tanto risparmio "patologico", poco sviluppo. Gli italiani non si fidano della fine della recessione

di Enrico Cisnetto - 30 ottobre 2016

Impossibile abolire il Senato

Perché l'abolizione del Senato è una fantasia pericolosa

di Massimo Pittarello - 24 ottobre 2016

Demeriti scolastici

La scuola punti tutto sul merito per favorire l'ingresso in azienda

 

di Enrico Cisnetto - 23 ottobre 2016

Siria e Iraq. Due pesi e due misure

Mosul e Aleppo: le differenze nella lotta all'Isis

di Livio Ghersi - 21 ottobre 2016

La partita non finisce il 4 dicembre

La battaglia referendaria può renderci migliori

di Gianfranco Pasquino - 20 ottobre 2016


Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario