ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Articoli

Lavorare meglio

Lavorare meno per lavorare tutti? La vera rivoluzione è lavorare meglio

di Enrico Cisnetto - 21 aprile 2019

Errore Quota 100

La misura di Salvini sulle pensioni è sbagliata, serve allungare la vita "attiva"

di Enrico Cisnetto - 14 aprile 2019

Def veritiero

Rilanciare subito gli investimenti pubblici per dare sprint alla manovra anti recessione

di Enrico Cisnetto - 07 aprile 2019

Caos inglese

Dal lungo stallo sulla Brexit l'Italia ha molto da perdere

di Enrico Cisnetto - 31 marzo 2019

Regole chiare per l'edilizia

Per lo Sblocca cantieri servono regole certe e procedure veloci

di Enrico Cisnetto - 24 marzo 2019

Il silenzio minaccioso di Moody's

Solamente rinviato a breve il declassamento del rating italiano

di Enrico Cisnetto - 17 marzo 2019

Reddito e tasse

Il taglio del cuneo fiscale meglio del salario minimo

di Enrico Cisnetto - 10 marzo 2019

La via della pelle cinese

Fan Quinling, presidente dello Hebei Barney Garment, racconta l'approccio con l'Italia

06 marzo 2019

L'iceberg delle infrastrutture

Sbloccare cantieri e opere pubbliche. Il Paese è paralizzato da troppo tempo.

di Enrico Cisnetto - 03 marzo 2019

Berlino-Parigi senza Roma

L'asse franco-tedesco non fa bene all'Europa e isola l'Italia

di Enrico Cisnetto - 24 febbraio 2019


Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario