ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Articoli

Rischio recessione

Il vero piano B che ci serve è quello per evitare la crisi economica

di Enrico Cisnetto - 11 novembre 2018

Prescrizione: 8 domande al ministro Bonafede

TerzaRepubblica condivide la lettera aperta della Fondazione Einaudi al Ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, sul tema della prescrizione

08 novembre 2018

Municipalizzate in coma

Una gara per affidare e salvare il trasporto pubblico

 

di Enrico Cisnetto - 04 novembre 2018

L'immobilismo non paga

Senza infrastrutture doc non c'è crescita né sviluppo

di Enrico Cisnetto - 28 ottobre 2018

Condoniamo il fisco

Giungla fiscale, serve una riforma strutturale

di Enrico Cisnetto - 21 ottobre 2018

La responsabilità del futuro

La relazione integrale di Carlo Bonomi, Presidente Assolombarda, durante l'Assemblea Generale 2018

19 ottobre 2018

Il suicidio dell'europa

Articolo pubblicato su Quotidiano Nazionale del 18-10-2018

di Enrico Cisnetto - 18 ottobre 2018

Declassati con prudenza

L'agenzia di rating declassa il nostro debito a Baa3, ma lascia l'outlook stabile

di Enrico Cisnetto - 18 ottobre 2018

Lettera di Toni Concina

di Toni Concina - 15 ottobre 2018

La pericolosa "Quota 100"

Rischioso abolire la Fornero, meglio le politiche di atcive ageing

di Enrico Cisnetto - 14 ottobre 2018


Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario