ultimora
Public Policy
Energia per l'Europa

Il prossimo banco di prova per l'Europa è l'unione energetica, occasione per la Scozia

Enrico Cisnetto

Banchieri incostituzionali

Non mettete la costituzione nella mani dei banchieri. Pasquino risponde a Bazoli  

di Gianfranco Pasquino - 14 luglio 2016

Sciopero stress test

Basta stress test senza garanzie. Il governo non vada con il cappello in mano a Bruxelles.

di Enrico Cisnetto - 10 luglio 2016

Social feed

ENRICO CISNETTO

La mia è una figura professionale molto particolare. Dal 1998 ho abbandonato la classica carriera giornalistica, dove avevo ottenuto risultati non trascurabili, per fare il “battitore libero”.
Editorialista nella carta stampata, opinionista radio-tv, ma anche conferenziere, consulente politico-strategico, organizzatore di eventi culturali.
Spazio Aperto

I lettori scrivono

Cisnetto Pensiero
Sul palco
Roma Incontra
Ara Pacis
In agenda

Vedo Rosso

Twitter
a cura di Massimo Pittarello

La manovra in Parlamento

Nel passaggio in aula di solito la finanziaria viene stravolta. Ma non questa volta

di Massimo Pittarello - 02 novembre 2015

IMHO


a cura di Giorgio Cavagnaro

Così parlò Zarathustra

Crisi economica, venti di guerra e immigrazione obbligano l'Italia ad un nuovo assetto

di Giorgio Cavagnaro - 12 marzo 2016

Ultimi articoli

I talentuosi delle democrazie azzardate

Alti rischi della "roulette russa delle democrazie" ? La replica del prof. Pasquino 

di Gianfranco Pasquino - 07 luglio 2016

C'è un Pil insostituibile

Bes, Fil, Ipa, Isu. Alternative inapplicabili al calcolo convenzionale della ricchezza e dello sviluppo

di Massimo Pittarello - 06 luglio 2016

Europa in ordine sparso

Dopo Brexit nell'Ue vince la grande ipocrisia. Non resta che rivedere i Trattati

di Enrico Cisnetto - 03 luglio 2016

L'Europa della finanza

Eccesso di finanziarizzazione dell'economia e fuga di capitali italiani all'estero. L'Europa così muore

di Enrico Cisnetto - 26 giugno 2016



documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario