ultimora
Public Policy
La priorità dell'industria

La priorità del prossimo governo non potrà che essere l’industria.

Enrico Cisnetto

Il sentiero stretto del debito

Bisogna stimolare la crescita economica per abbattere il mostro del debito pubblico

di Enrico Cisnetto - 15 aprile 2018

L'Europa nella guerra dei dazi

Nella guerra commerciale in corso l'Europa deve parlare con una sola voce

di Enrico Cisnetto - 08 aprile 2018

Social feed

ENRICO CISNETTO

La mia è una figura professionale molto particolare. Dal 1998 ho abbandonato la classica carriera giornalistica, dove avevo ottenuto risultati non trascurabili, per fare il “battitore libero”.
Editorialista nella carta stampata, opinionista radio-tv, ma anche conferenziere, consulente politico-strategico, organizzatore di eventi culturali.
Spazio Aperto

I lettori scrivono

Cisnetto Pensiero
Sul palco
Roma Incontra
Ara Pacis
In agenda

Vedo Rosso

Twitter
a cura di Massimo Pittarello

La manovra in Parlamento

Nel passaggio in aula di solito la finanziaria viene stravolta. Ma non questa volta

di Massimo Pittarello - 02 novembre 2015

IMHO


a cura di Giorgio Cavagnaro

L'impronta dell'uomo

L’opinione pubblica percepisce il flusso migratorio come una guerra difensiva

di Giorgio Cavagnaro - 25 agosto 2016

Ultimi articoli

Il fisco di Trump

Riforma fiscale, all'Europa serve il coraggio del Presidente Usa

di Enrico Cisnetto - 23 dicembre 2018

I segnali dell'Europa

Il pressing di Bruxelles su debito e conti pubblici

di Enrico Cisnetto - 01 aprile 2018

Accelerare sulla nuova Consob

La nomina definitiva di Nava è il primo indispensabile passo per ripartire

di Enrico Cisnetto - 25 marzo 2018

Le pensioni e i vincoli UE

Capitalizzare le pensioni senza abolire la Legge Fornero

di Enrico Cisnetto - 18 marzo 2018



documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario