ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Articoli

Il paradosso dei prezzi bassi

Prezzi bassi e petrolio al rallenty doppia minaccia per l'economia

di Enrico Cisnetto - 16 ottobre 2016

La bomba del debito

Attenti alla bomba ad orologeria dell'enorme debito mondiale

di Enrico Cisnetto - 09 ottobre 2016

E' la paralisi

La campagna elettorale ha bloccato tutti i lavori parlamentari

di Massimo Pittarello - 08 ottobre 2016

Un sano e consapevole NO

La campagna referendaria entra nel vivo.  L'intervento del prof. Pasquino per TerzaRepubblica

di Gianfranco Pasquino - 03 ottobre 2016

Ricongiungimi subito

Perché la pensione unica è un diritto, soprattutto per i giovani

di Massimo Pittarello - 03 ottobre 2016

L'economia della produttività

Detassazioni e incentivi sono necessari per scongiurare altri anni di recessione

di Enrico Cisnetto - 02 ottobre 2016

Provaci ancora Matteo

Leggi sbagliate e interessate, ma con conseguenze controproducenti.

di Gianfranco Pasquino - 27 settembre 2016

Tutte leggi senza padre

Gli effetti indesiderati delle norme approvate per convenienza

di Massimo Pittarello - 26 settembre 2016

Il ritorno della politica industriale

Puntare forte sull'industria per ridare sprint alla ripresa. Ora tocca alle imprese 

di Enrico Cisnetto - 25 settembre 2016

Il lusso di saper cogliere le provocazioni

E se la polemica di Flavio Briatore sul turismo da ricchi in Puglia stimolasse qualche idea innovativa?

di Marco Dipaola - 22 settembre 2016


Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario