ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Newsletter

Regionali: 41% o nulla

REGIONALI: L’UNICO RISULTATO CHE CONTA È SAPERE SE RENZI CONFERMA IL 41% O CI VA DISTANTE

30 maggio 2015

Il ritorno di Berlusconi

LE MOSSE DI BERLUSCONI SONO FUORI TEMPO MASSIMO MA, RESTA VIVO IL BERLUSCONISMO (CIOÈ LA SECONDA REPUBBLICA)

23 maggio 2015

Renzi all'esame delle elezioni regionali

RENZI IN STILE CAMERON? PRO E CONTRO IN VISTA DI ELEZIONI CHE SARANNO
UN ESAME SEVERO PER IL GOVERNO

16 maggio 2015

Istituzioni in pensione

LA SENTENZA DELLA CONSULTA SULLE PENSIONI FOTOGRAFA UN QUADRO DESOLANTE DEL SISTEMA ISTITUZIONALE

09 maggio 2015

Meglio Renzi dell'antirenzismo

OK, ITALICUM E SENATO SONO RIFORME PESSIME MA L’ANTI-RENZISMO BECERO È SOLO UN REGALO A RENZI

02 maggio 2015

Renzi senza coraggio

MENTRE GIOCHIAMO CON L’ITALICUM LA POLITICA ECONOMICA MANCA DI CORAGGIO E LUNGIMIRANZA

25 aprile 2015

Il riformismo di Renzi e Bersani

I TORTI (E LE RAGIONI) DI RENZI E BERSANI DUE RIFORMISTI DESTINATI A NON INCONTRARSI

19 aprile 2015

Tesoretto senza ripresa

RIECCO IL “TESORETTO” ELETTORALE, MA SENZA RIPRESA E SVOLTA ECONOMICA

11 aprile 2015

Serve una nuova classe dirigente

NELL’UOVO DI PASQUA CI VORREBE UNA NUOVA CLASSE DIRIGENTE

04 aprile 2015

Evitiamo un altro 1992

L’ITALIA È DA BONIFICARE MA UNA RIEDIZIONE DEL 1992 SAREBBE LETALE

29 marzo 2015


« 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 »

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario