ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Newsletter

Amministrative, rischio populismo

AMMINISTRATIVE SURREALI MA ORA EVITIAMO CHE LE NOSTRE CITTÀ FINISCANO NELLE MANI DI POPULISTI INCOMPETENTI

03 giugno 2016

Prima l'economia, poi il referendum

È UNA PAZZIA: L’ECONOMIA FRENA ED È GIA' PARTITA LA CAMPAGNA ELETTORALE PER IL REFERENDUM COSTITUZIONALE

 

28 maggio 2016

Chi di giustizialismo ferisce...

VOTARE LA DITTA GRILLO&CASALEGGIO? CHI DI GIUSTIZIALISMO FERISCE DI GIUSTIZIALISMO PERISCE

21 maggio 2016

Renzi fermi le gogne

RENZI FERMI LE GOGNE MEDIATICO-GIUDIZIARIE E L'USO DEL “POLITICAMENTE CORRETTO”, O MORIAMO SOFFOCATI

14 maggio 2016

Renzi, cambia passo!

CARO RENZI, CAMBIA IL MODO DI AFFRONTARE IL REFERENDUM E L’EMERGENZA GIUDIZIARIA O SARANNO GUAI

07 maggio 2016

La svolta di Marchini

BERLUSCONI COSTRETTO A MOLLARE SALVINI, MA ORA MARCHINI PUÒ IMPRIMERE ALLA POLITICA LA SVOLTA CHE RENZI NON HA DATO

30 aprile 2016

Berlusconi e il PUPI

L’EMPASSE DI BERLUSCONI CI CONSEGNA AL “PUPI” PARTITO UNICO DEL POPULISMO DI LEGA E CINQUESTELLE UNITI 

23 aprile 2016

Renzi vs Davigo

SE LO SCONTRO DECISIVO È TRA RENZI E DAVIGO TOCCA STARE DALLA PARTE DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO  

16 aprile 2016

Renzi double face

RENZI DOUBLE FACE TIENE TESTA AI MAGISTRATI E SBRACA SULLE PENSIONI. MA FARE SUL SERIO, QUANDO?

09 aprile 2016

Caso Guidi e referendum

IL “CASO GUIDI” NON C’ENTRA CON IL REFERENDUM DEL 17 APRILE ASTENSIONE CONSAPEVOLE CONTRO LA DEMAGOGIA POPULISTA

02 aprile 2016


Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario