ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Newsletter

Silvio e Matteo, errori in sincrono

GLI ERRORI DI BERLUSCONI E RENZI CHE COMPROMETTONO L’UNICA SOLUZIONE POST REFERENDUM

18 novembre 2016

Trump spiana la strada al NO

LA VITTORIA DI TRUMP SPIANA LA STRADA (INDIRETTAMENTE) AL NO NEL REFERENDUM

11 novembre 2016

Pacificazione pre-Referendum

LA “PEZZA” DEL RINVIO PEGGIO DEL “BUCO” REFERENDARIO MA RIMANE LA NECESSITÀ DI UNA PACIFICAZIONE POLITICA

04 novembre 2016

Un voto contro il populismo

COSA VOTARE AL REFERENDUM SE SI GUARDA CON TERRORE ALL’IPOTESI CHE IL GOVERNO FINISCA NELLE MANI DEI POPULISTI

28 ottobre 2016

Obama strizza l'occhio a Renzi

OCCHIO, LE LUSINGHE DI OBAMA NON SERVONO A FRONTEGGIARE LE RISERVE UE SULLA MANOVRA E LA FEROCIA DI PUTIN

22 ottobre 2016

Referendum apocalisse

CI MANCAVANO QUEGLI INCOSCIENTI DI MOODY’S A GETTARE BENZINA SUL FUOCO DEL REFERENDUM APOCALISSE

14 ottobre 2016

Prima l'economia poi il referendum

PER COLPA DEL REFERENDUM ABBIAMO BUTTATO VIA UN ANNO E ORA L’ECONOMIA CI PRESENTA IL CONTO

07 ottobre 2016

Referendum bugiardo

REFERENDUM BUGIARDO, IL SÌ NON È LA FINE DELLA DEMOCRAZIA E NON È IL CAOS SE VINCE IL NO

29 settembre 2016

Europa, referendum e Italicum

POLEMICHE IN EUROPA E IL PASTICCIO SU REFERENDUM E ITALICUM DUE ERRORI DA MATITA ROSSA

24 settembre 2016

Parisi si ma senza Berlusconi

PARISI (CHE SOMIGLIA PIÙ AD AMATO CHE A CRAXI) PUÒ FARCELA MA IL SUO VERO PROBLEMA SI CHIAMA BERLUSCONI

17 settembre 2016


« 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 »

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario