ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Newsletter

L'Europa che non va

L’EUROPA NON FUNZIONA MA NOI NON ABBIAMO LE CARTE IN REGOLA PER DIRE COME CAMBIARLA

27 febbraio 2016

La descrescita della crescita

IL PROBLEMA DI RENZI (E NOSTRO) È LA “DECRESCITA DELLA CRESCITA”. O CAMBIA POLITICA ECONOMICA O ELEZIONI

20 febbraio 2016

Lo spread che non si vede

C’È UN “NUOVO SPREAD” INUTILE (E PERICOLOSO) FAR FINTA DI NON VEDERLO RENZI VADA IN TV A DIRE COME LO SI FRONTEGGIA

13 febbraio 2016

Perchè la Spagna cresce più di noi

GLI SPAGNOLI CRESCONO 4 VOLTE PIÙ DI NOI EPPURE I VINCOLI UE E L’EGOSIMO TEDESCO ESISTONO ANCHE PER LORO

06 febbraio 2016

Mai senza Merkel

BENE LA DISTENSIONE DOPO LE PAROLE DI TROPPO MA RENZI DEVE CAPIRE CHE LA MERKEL È IL SUO MIGLIOR ALLEATO

30 gennaio 2016

Le guerre anti Renzi

LA GUERRA A RENZI C’È (INTERNA ED ESTERNA) E POTREBBE PORTARCI AD ELEZIONI ANTICIPATE

23 gennaio 2016

Le tre gambe della politica italiana

TUTTE LE FRAGILITÀ DELLE TRE GAMBE DEL NOSTRO SISTEMA POLITICO E LE (FLEBILI) SPERANZE DI CAMBIAMENTO

16 gennaio 2016

Populismo all'italiana

COSA SUCCEDE IN ITALIA SE IN TUTTA EUROPA SI AFFERMA UN TRIPOLARISMO IN SALSA POPULISTA

09 gennaio 2016

2015 deludente, 2016?

DOPO UN 2015 INFERIORE ALLE (FALSE) ASPETTATIVE ECCO COME RENZI PUÒ REGALARCI UN 2016 MIGLIORE

19 dicembre 2015

Populismo all'italiana

RENZI, ATTENZIONE CHE IL VENTO POPULISTA DEL FRONT NATIONAL RISCHIA DI SOFFIARE
ANCHE IN ITALIA

12 dicembre 2015


Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario