ultimora
Public Policy

Primi commenti sulla legge proporzionale

Le inutili elezioni di Nania

Il capogruppo di An: “senza preferenze si limiterà la corruzione”. La cancelleremo togliendo il diritto di voto?

di Alessandro D'Amato - 12 ottobre 2005

Domenico Nania, presidente dei senatori di An, spiega al popolo la riforma elettorale prossima ventura: “Il proporzionale proposto dalla Cdl è molto diverso da quello che vigeva nella prima Repubblica. Allora vigeva la delega in bianco al candidato che chiedeva il voto per sé senza alcun impegno su come lo avrebbe usato in Parlamento. Il nuovo sistema non prevede le preferenze, che sono sempre state fonte di corruzione”.

Secondo Nania quindi il nuovo proporzionale made by Polo delle libertà supererebbe il divieto di mandato imperativo. Peccato che ci sia un articolo della Costituzione (l’articolo 67) che dispone che “ogni membro del parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato”, ossia riceve un mandato generale da parte del corpo elettorale, che non è revocabile né dall'ambito territoriale che l'ha eletto, né da parte del partito di affiliazione.

Però questi sono dettagli. La cosa più significativa dell’intervento di Nania è l’eliminazione delle preferenze, che generano per la loro stessa esistenza la corruzione. Il sistema delle cinque preferenze venne abrogato da un referendum nel 1991. Il Parlamento successivamente eletto, forse qualcuno l’ha dimenticato, fu quello di Tangentopoli…

Ma soprattutto: visto che si tolgono le preferenze allo scopo di eliminare la corruzione, perché non semplifichiamo il tutto eliminando direttamente le elezioni? Si risparmierebbero tanti soldi e tutti quegli impicci burocratici derivanti dalla “volontà popolare”. E’ una soluzione praticabile. “Si può fa-re!”, come dice il dottor Frankenstein nel film di Mel Brooks. Visto come sta andando finora il percorso di riforma, potrebbero davvero bastare poche e semplici modifiche…

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario