ultimora
Public Policy

Non solo province

Ridurre i Comuni

Ancora troppi debiti, inevitabile fondere quelli piccoli

di Enrico Cisnetto - 12 maggio 2019

Oltre alla mancata abolizione delle province, la legge Delrio ha fallito anche nel tentativo di riduzione del numero dei Comuni. Non solo per la mancata riforma costituzionale collegata, ma soprattutto per una norma costruita male che ha lasciato come “volontaria” la scelta sulla fusione per chi sta sotto i 5.000 abitanti. E come tale mai adottata da enti che hanno dimostrato di non volere e non essere capaci di autoriformarsi. Per cui l’unica soluzione, se si vuole riordinare la struttura pletorica del nostro decentramento, è imporre un obbligo coercitivo, considerato che oltre a 20 Regioni, 80 province più le due autonome di Trento e Bolzano e le diversamente autonome della Sicilia, 14 Città metropolitane, quasi 500 enti intermedi, ad affollare il sistema amministrativo sono soprattutto i 7.982 Comuni parcellizzati sul territorio.

Pur rappresentando la storia d’Italia, l’esercito dei Comuni non funziona. Lo dimostrano i dati pubblicati da Bankitalia e Viminale, secondo cui a fine 2018 il loro debito complessivo era di 37,7 miliardi. In diminuzione dai 39,5 miliardi del 2017 e i 47,8 del 2010, ma solo per effetto del blocco degli investimenti pubblici che proprio dai Comuni passa in via prioritaria. Tant’è vero che è aumentato il numero di quelli in pre-dissesto (50 all’anno) e dissesto finanziario (30 all’anno), per un totale dell’1% in default ogni 12 mesi. A conti fatti sono oggi 500 i Comuni con spesa fuori controllo (il 6,25%), con punte del 33% in Sicilia e Calabria e del 20% in Campania. Senza dimenticare che secondo l’Istat la spesa corrente complessiva per la loro stessa esistenza (organi istituzionali e segreteria generale) è di 2,1 miliardi l’anno – stessa cifra di quella per ordine pubblico e sicurezza – esattamente quanto costano le loro funzioni.

Oltretutto, più i Comuni sono piccoli e meno funzionano. Dei 556 dissesti finanziari censiti dal 1989 al 2017 (di cui 450 nel Meridione), il 40% ha riguardato quelli al di sotto dei 2.000 abitanti, un altro 20% quelli da 2mila a 5mila e il restante 40% in quelli fino a 60mila, che comunque sono città di medie dimensioni.

Insomma, una frammentazione che è sinonimo automatico di inefficienza, perché le mini-amministrazioni incontrano più difficoltà nell’adeguarsi alle norme, organizzare gli uffici, ottimizzare le risorse e specializzare il personale. E quando sono vicini, invece di fare “rete”, si fanno concorrenza. Per esempio, nessuno cede i propri surplus a chi è in difficoltà. Senza dimenticare l’incapacità di riscuotere le tasse, tanto che tra Imu e Tari sono 5 i miliardi che ogni anno i Comuni non riescono a incassare. E quindi poi chiedono soccorso allo Stato.

Piero Fassino, da sindaco di Torino e da presidente Anci, chiese di azzerare i Comuni sotto i 15 mila abitanti arrivando così a 2.500. Sarebbe eccezionale, ma potrebbe già essere positivo rendere effettiva l’unione di quelli sotto i 5.000, visto che rappresentano circa il 70% del totale, ma solo il 17% della popolazione. Allora, in un arco di tempo ragionevole, l’unica autonomia che lo Stato centrale dovrebbe permettere ai Comuni è la scelta del “partner” con cui unirsi, ovviamente nel rispetto della contiguità territoriale. E chi resta sotto le soglie, subisce la cancellazione e amen. Perché  quando il carattere “volontario” non funziona, quello “obbligatorio” è d’obbligo. (twitter @ecisnetto)

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario