ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Articoli » 
  • 20190310 - Il taglio del cuneo fiscale meglio del salario minimo

Economia e scelte

Reddito e tasse

Il taglio del cuneo fiscale meglio del salario minimo

di Enrico Cisnetto - 10 marzo 2019

Sono partite le prime domande per il reddito di cittadinanza, mentre il decreto è ancora in discussione in parlamento, e tra le pieghe delle modifiche ha fatto capolino l’introduzione di un limite salariale, pari a 858 euro, al di sotto del quale si può rifiutare l’offerta di lavoro come “non congrua”. Vedremo quale sarà la versione finale conversione, ma va registrato che proprio sul salario minimo garantito sono già in corso prove di dialogo tra 5stelle e Pd (di Zingaretti).

Ora, non c’è dubbio che in Italia gli stipendi siano troppo bassi, ma affrontare il problema pensando di alzare i minimi significa prenderlo dal lato sbagliato. Quello giusto, invece, sarebbe un taglio, incisivo e permanente, del cuneo fiscale. Introdurre un compenso minimo vincolate erga omnes non significa solo limitare la libera contrattazione, sia individuale che collettiva, per sostituirla con un’imposizione di legge, ma anche ignorare che quello che finisce in tasca al lavoratore è meno della metà di quello che spende l’azienda. Secondo il rapporto “Taxing wages” dell’Ocse, che mette a confronto il peso fiscale sulle buste paga, l’Italia è al quinto posto tra i 34 Paesi più sviluppati per maggiori oneri a carico di imprese e lavoratori, pari al 47,7%. Ergo, per ogni 100 euro di retribuzione il lavoratore ne versa 45 allo Stato e l’azienda 46. Se poi si prende in considerazione la classifica dei contributi versati dalle imprese ogni cento euro di stipendio, tra i nostri competitor c’è la Francia prima con 52 euro, poi noi con 46 euro, mentre la Spagna è a 38 e la Germania a 32. Oltretutto, bisogna evidenziare che mentre Berlino e Parigi hanno tagliato il cuneo fiscale (rispettivamente dello 0,9% e dell’1,7%) non lo abbiamo aumentato dell’1,1%.

Insomma, tra contributi previdenziali e fisco, il costo del lavoro in Italia è già troppo elevato – con il duplice effetto che i lavoratori hanno troppo poco e le imprese perdono competitività – per aumentarlo ancora. E con gli altri costi – fiscali, amministrativi, burocratici, energetici – già elevati, più quelli impropri (giustizia civile, infrastrutture, ecc.), le imprese non possono certo farsi carico di un ulteriore handicap nei concorrenziali mercati globali. Tra l’altro, proprio la produttività dei fattori, a cominciare da quella del lavoro, è un nodo mai sciolto del nostro sistema produttivo. Sul tema, infatti, l’Italia è “maglia nera” tra i paesi industrializzati almeno dal 2001 e non è un caso che da decennil declino italiano corra parallelo al crollo della produttività del lavoro, che ha una media annua inferiore di un quinto a quella Ue (+0,3% a fronte di +1,6%).

Già in passato il sostegno drogato alla domanda (vedi gli 80 euro di Renzi) non ha fatto ripartire i consumi. E quand’anche, è facile che vadano a beneficio di prodotti esteri, dall’Iphone a Netflix, dalle auto tedesche a un volo Ryanair. Tant’è vero che in questi anni le importazioni sono cresciute quattro volte il pil. Dunque, la giusta ricetta è, da un lato, per chi lavora tagliare il cuneo fiscale, detassare i premi di produttività e favorire la contrattazione decentrata; dall’altro, per i tre milioni di persone che non studiano e che il lavoro né lo hanno né lo cercano, investire in innovazione tecnologica e formazione continua per immetterli nel mercato. Il resto sono scorie ideologiche e populismo d’accatto.  (twitter @ecisnetto)

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario