ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Articoli » 
  • 20181020 - Declassati con prudenza

Il verdetto di Moody's

Declassati con prudenza

L'agenzia di rating declassa il nostro debito a Baa3, ma lascia l'outlook stabile

di Enrico Cisnetto - 18 ottobre 2018

Poteva andare peggio, molto peggio. L’agenzia di rating Moody’s ha sì bocciato l’Italia, declassando il nostro debito sovrano da Baa2i a Baa3 e portando i titoli di Stato a un solo gradino dalla condizione in cui vengono definiti “spazzatura”, ma ha prudentemente scelto di mantenere “stabile” l’outlook, cioè le previsioni a breve. Con ciò evitando che il prossimo passo sia necessariamente quello del downgrading, visto che prima dovrà passare da “stabile” a “negativo” l’outlook.

Insomma, Moody’s ci ha concesso un po’ di tempo – diciamo tra 3 e 6 mesi – e ha in qualche modo condizionato il verdetto di Standard & Poor’s atteso per venerdì. Per ora, dunque, non succede nulla, e sappiamo con cognizione di causa che questo è il giudizio, espresso in privato, di alcuni dei grandi banchieri nazionali. Naturalmente la controprova è attesa per domani, quando alla loro riapertura i mercati ci diranno se questo voto di Moody’s era già incorporato nel livello di spread raggiunto venerdì – 340 punti, ai massimi dall’aprile 2013, per poi scendere quando è parsa escludersi una crisi di governo per colpa della fantomatica “manina fiscale” – o seppure l’odor di “spazzatura” li induce ad allargare ancora il differenziale tra i Btp e i Bund tedeschi.

Tuttavia, comunque vadano i mercati domani e nei prossimi giorni, tutto ci è concesso meno che sorridere del declassamento subito (come ha gaiamente fatto Di Maio) e approfittare del mezzo scampato pericolo per tirare a campare. Il nostro (mostruoso) debito è in mano a investitori professionali, nazionali ed esteri, che pretendono bond sicuri o moderatamente speculativi, non “junk”. E se di colpo vendessero quelli che hanno i portafoglio e smettessero di sottoscriverne di nuovi (ogni anno dobbiamo venderne per 400 miliardi), per noi sarebbe la fine. Non solo. Le nostre banche rischiano di chiudere i rubinetti del credito che avevano riaperto, e lo spettro della recessione si riaffaccerebbe. E questa volta la crisi sarebbe solo italiana. E di natura politica, perché ciò che ci ha procurato il declassamento del rating e che genera la sfiducia dei mercati e dei partner europei, è il venir meno della nostra già residuale credibilità istituzionale. Dunque, tiriamo pure un sospiro di sollievo, ma c’è poco da ridere. (twitter @ecisnetto)

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario