ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Articoli » 
  • 20180624 - La tattica italiana in Europa

Cambiamenti e politiche

La tattica italiana in Europa

I nodi del Consiglio europeo e i rischi della strategia italiana

di Enrico Cisnetto - 24 giugno 2018

Il mondo gira velocemente, secondo un principio astrofisico a cui purtroppo l’Italia fatica ad adeguarsi. Prendete l’orizzonte europeo. Su migrazione e asilo il presidente della Commissione, Juncker, ha convocato un summit informale in vista del decisivo Consiglio europeo del 28 e 29 giugno. L’obiettivo era un nuovo accordo a partire dalla chiusura dei confini esterni dell’Ue, la creazione di campi di smistamento in Africa e la possibilità di “rimpatrio” per i migranti che passano dal Paese di arrivo ad uno “secondario”. L’Italia ha minacciato di disertare il vertice e Merkel ha fatto “accantonare” la bozza. Ora, però, bisognerà trovare nuovi contenuti, e non sarà facile. Il rischio è che le regole restino le stesse, che gli Stati europei continuino a marciare separati e che le polemiche politiche prevalgano su interventi collettivi e strutturali necessari ad affrontare un problema epocale come quello delle migrazioni. Se la mossa italiana è stata una vittoria mediatica, non basta.

Anche sul piano economico, mentre noi ragioniamo sull’oggi, gli altri pensano al domani. Al vertice di fine mese, in cui si dovrebbe lanciare una nuova proposta di riforma della governance dell’eurozona – assolutamente necessaria – la Francia chiederà un bilancio europeo per gli investimenti contro le crisi degli Stati membri e l’assicurazione comune sui depositi, mentre la Germania proporrà l’istituzione di un Fondo Monetario Europeo che vigili e intervenga sui debiti pubblici. E un Fme guidato da una maggioranza franco-tedesca (più satelliti) potrebbe condizionare in modo eteronomo, e di molto, le politiche nazionali, a cominciare da quella italiana. L’Italia, invece, è costretta a chiedere tre cose di piccolo cabotaggio: la deroga dalla procedura di infrazione sui conti pubblici 2018 per evitare una manovra correttiva da 5 miliardi; l’estensione del deficit fino al 2% nel 2019 per disinnescare le clausole di salvaguardia; e, per il 2020, il rinvio di un anno del pareggio strutturale di bilancio.

Insomma, mentre noi pensiamo alla tattica, gli altri lavorano sulla strategia e, more solito, rischiamo di rimanere fregati. Perché si fa presto a dire di voler uscire dall’euro, ma la verità è che, nel caso, non solo finiremmo in un territorio inesplorato e minato, ma soffriremmo delle conseguenze della cosiddetta “quitaly clause”. Si tratta di una clausola che gli stranieri che comprano il nostro debito, e non solo quello pubblico ma anche quello privato derivante da rapporti commerciali, da qualche mese inseriscono nei contratti: in caso di uscita dalla moneta unica, il credito rimane esigibile in euro.

Tra l’altro, c’è molto altro da decidere e da tenere d’occhio. Per esempio, il ritorno a obiettivi opposti delle banche centrali. Come emerso al Forum di Sintra, infatti, dopo anni di comunione d’intenti, Bce e Fed hanno preso strade divergenti: Draghi lamenta un problema di mancata inflazione, Powell quello opposto; Francoforte rinvia l’appuntamento con il rialzo dei tassi, Washington lo anticipa; il tapering nell’Ue è ancora da chiudere, negli Usa è già il passato. Tutto questo, mentre il mandato di Draghi si avvia alla scadenza (ha ancora poco più di un anno) con Germania e Francia che già lavorano per la successione.

Mentre il mondo gira, l’Italia rischia di girare su se stessa. (twitter @ecisnetto)

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario