ultimora
Public Policy

Elusione internazionale

Paradisi fiscali

Europa a rischio inefficacia

di Giuseppe Pennisi - 29 novembre 2017

Ieri sono terminate la audizioni del Parlamento Europeo sul 'denaro sporco' nella Ue. Dai lavori usciranno probabilmente proposte di riforme profonde della normativa comunitaria per giungere a una maggiore trasparenza delle 'shell companies' (aziende, spesso piccole, che fanno da copertura ad altre operanti nei singoli Stati membri) e delle fiduciarie (che spesso celano i semi della corruzione). Il Parlamento ha fatto un buon lavoro e dato la priorità alla lotta al crimine finanziario. È, pero, solo un primo passo: le procedure UE richiedono infatti l’iniziativa normativa della Commissione e una decisione congiunta tra Pe e Consiglio dei Ministri Economici e Finanziaria.

Un buon segno dovrebbe darlo la Commissione quando tra un mese pubblicherà l’elenco di quelli che considera Paesi dove non operare. Ci si augura di essere smentiti, ma le bozze che circolano a Bruxelles mostrano che, nonostante le prove portate al PE, Cipro, Malta ed Irlanda non compaiono nell’elenco in fase di messa a punto. Non volere ammettere che c’è del marcio all’interno della UE non giova certo alla causa europea. Se c’è (come pare), meglio ripulirlo al più presto. Ancora più difficile il passaggio al livello politico Ecofin. Dopo mesi di negoziati sulle implicazioni dei 'Paradise Papers', i funzionari delegati dai Ministri non sono giunti a nessuna intesa. E si trattava solo di uniformazione delle norme anti- riciclaggio. Ora il piatto servito dal PE è più vasto. Da quello che si apprende, Francia e Spagna sarebbero gli Stati più favorevoli ad un’iniziativa normativa europea mentre Germania e Gran Bretagna i più disposti a chiudere un occhio. L’Italia, come sempre, farebbe il mediatore.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario