ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Articoli » 
  • 20171108 - Elusione tributaria internazionale

Scandalo tributario

Elusione internazionale

Facta, Ocse e le regole mondiali sullle tasse

di Giuseppe Pennisi - 08 novembre 2017

Tra i più interessanti tentativi di combattere elusione ed evasione tributaria ci sono gli strumenti avanzati messi a punto dagli Stati Uniti in questi anni: il Fatca (Foreign Account Tax Compliance Act) e il Crs (Common Reporting Standard). In vigore, per quanto riguarda l’Italia, dal 1 luglio 2014, il Fatca nasce su impulso del governo americano dopo anni di discussioni e tentativi di giungere un accordo in seno all’Ocse. Oggi vi aderiscono quasi tutti i Paesi avanzati ad economia di mercato e ad esso si accompagna il Crs (Common Reporting Standard).

Strumenti analoghi sono stati sviluppati in altri Paesi. In breve le banche e gli altri operatori finanziari devono inviare alle agenzie delle entrate nazionali le informazioni sui conti dei loro clienti. Per i cittadini americani, i dati vengono trasmessi ad un ufficio speciale del fisco perché li esamini e, se del caso, si rivolga alle agenzie dei singoli Paesi per appropriata azione.

Funziona? Lo scorso settembre, l’Università del Texas ha pubblicato una 'Guida' curata da un tributarista di livello, William Byrnes che esamina gli effetti dei numerosi accordi intergovernativi scaturiti dal Fatca dal punto di vista del fisco americano. I primi anni di vita dello strumento indicano che, nonostante le penali fortissime previste dalla normativa, l’insieme di accordi non ha generato alcun gettito aggiuntivo significativo. Anzi il gettito da misure specifiche (pre-Fatca) per incoraggiare il rientro di capitali è diminuito di alcune centinaia di milioni di dollari. Ancora peggio, mentre prima del Fatca 1,1 milioni di americani residenti all’estero presentavano la modulistica per essere contribuenti fedeli, all’ultima conta se ne sono presentati solo 300.000.

Non solo. Il fisco americano ha dovuto aprire un ufficio speciale a Dallas per il Fatca incorrendo in costi aggiuntivi. I consolati americani si sono trovati affollati di persone con doppia cittadinanza che chiedevano di lasciare quella americano: hanno dovuto assumere personale ed affittare uffici, nonché aumentare da zero a 4mila dollari gli oneri per chi vuole lasciare la cittadinanza americana. In breve, sulla base dei primi anni di applicazione, allo stesso governo americano il Fatca non conviene sotto il profilo della finanza pubblica.

 

 

Pubblicato su Avvenire

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario