ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Articoli » 
  • 20171102 - Rivoluzione regolamenti

Riforma dei regolamenti parlamentari

Una silenziosa rivoluzione

Una norma antitransfughi dalla portata epocale

di Massimo Pittarello - 02 novembre 2017

Senza referendum, senza fiducia e senza clamore la riforma dei regolamenti parlamentari può essere uno dei chiavistelli con cui, silenziosamente, si potrebbe scardinare la Seconda Repubblica. Certo, da sola non basterebbe. E, certo, deve essere approvata sia al Senato (possibile) che alla Camera(improbabile), ma una norma che vietasse ai parlamentari di iscriversi ad un gruppo diverso da quello di elezioni avrebbe un impatto epocale

Negli ultimi 20 anni, infatti, le coalizioni sono sempre state costruite per vincere e non per governare. A sinistra, Mastella correva con Ferrero; a destra, Bossi con Casa Pound. E così, di conseguenza, nei Parlamenti “maggioritari” eletti con le leggi Mattarella e Calderoli, la patologia della “mobilità parlamentare” è stata molto più diffusa di quanto non avvenisse con la legge proporzionale della Prima Repubblica. Con i cambi di gruppo che in questi cinque anni hanno raggiunto il triste record di 531 (uno ogni tre giorni), il 56% dei 951 scranni dell’aula. Anche se, consolatevi, dal 2013 “solo” 338 eletti hanno cambiato casacca fino ad oggi, pari al 35,5%

La prossima legislatura nascerà sulla base di un sistema misto, ma la quota di un terzo di collegi uninominali favorisce le alleanze. Più elettorali che di governo, però, come dimostra la divisione tra proeuro e antieuro che c’è nel centro-destra o quella “articolo 18 Si-articolo 18 No” presente nel centrosinistra. Sarà inevitabile, allora, che le alleanze delle urne saranno soggette a variazioni in Parlamento. Ci troveremo di fronte, ancora una volta, al fenomeno di gruppi parlamentari che nessuno ha votato? Forse no, se la riforma dei regolamenti parlamentari dovesse essere approvata

In tal caso, infatti, i gruppi si potranno formare solo ad inizio legislatura, e chi dovesse lasciare quello con cui è stato eletto, è obbligato ad iscriversi al Misto, senza potersi unire ad un altro già esistente, né crearne di nuovo. Quindi, niente più Alternativa popolare, Gal, Mdp, Conservatori e riformisti, Ala, Idea, ma nemmeno Forza Italia e Ncd. Insomma, una rivoluzione. Il testo ristretto a cui, in modo insolitamente trasversale, hanno lavorato Pd, Forza Italia, Lega e 5 stelle, contiene altre importanti novità: i disegni di legge saranno di regola assegnati alle commissioni in sede deliberante o redigente (escluse leggi costituzionali o elettorali). E quindi dovrebbero passare di meno per l’aula. O per meno tempo, visto che in tal caso verrebbero fissati tempi certi per l’esame. 

La stretta arriverà anche per i tempi degli interventi in aula e le verifiche al numero legale, che non si potranno più chiedere a inizio di seduta. Insomma, verranno posti limiti all’ostruzionismo e al trasformismo. E una via prioritaria per le leggi dichiarate urgenti dal Governo, affinché venga recepito il ruolo sempre più “legislativo” assunto ormai da anni dall’Esecutivo. E venga anche limitato il ricorso, spesso eccessivo, all’uso dei decreti legge. 

Certo, viene lasciato fuori il tema dei soldi. E basta guardare alla mossa di Calderoli, che ha lasciato la Lega per unirsi al Misto solo per riaprire i cordoni dei rimborsi chiusi dopo gli esiti giudiziari della vicenda Belsito, per capire l’importanza del tema. Ma sarebbe un gran passo avanti. 

Palazzo Madama il termine per gli emendamenti è stato chiuso ela Giunta del Regolamento potrebbe approvarla in settimana, così che l’emiciclo la possa vararla già entro novembre. A Montecitorio l’esame non è stato calendarizzato, ma l’intenzione del Nazareno è chiudere entro la fine della legislatura. Veltroni ci aveva provato nel 2008. E alcuni suoi parlamentari avevano tentato prima delle elezioni del 2013. Ma non se ne è mai fatto nulla. 

Ora, dopo una riforma costituzionale abortita e tante riforme impantanate, è possibile che la norma passi al Senato, ma non alla Camera. Tuttavia, anche un solo ramo del Parlamento – Palazzo Madama, dove i numeri sono sempre più in bilico e le maggioranze sempre più strette – sarebbe già meta dell’opera. Silenziosa ed efficace.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario