ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Articoli » 
  • 20170611 - Meno male che Draghi c’è

L'ombrello della Bce

Meno male che Draghi c’è

L'Italia ha poco tempo: 12 mesi per ridurre il debito pubblico

di Enrico Cisnetto - 11 giugno 2017

Meno male che Draghi c’è. Anche se, prima o poi, dovrà terminare la politica monetaria espansiva che in questi anni ha contrastato la crisi ed evitato il disastro, nell’eurozona come e soprattutto in Italia. E il problema è che non ci stiamo per nulla preparando al dopo. Pur scontentando qualche monetarista, giovedì scorso il Consiglio direttivo della Bce ha confermato “senza posizioni sfavorevoli” la necessità di non interrompere l’espansione monetaria. Ancora troppi i rischi e troppo incerta la ripresa per avviare prima il tapering – ossia la progressiva diminuzione degli attuali 60 miliardi di acquisti mensili di bond – e poi procedere con il rialzo dei tassi. Innanzitutto, perché le stime per l’inflazione nell’eurozona sono state tagliate rispetto alle previsioni precedenti (1,5% e 1,3% tra quest’anno e il prossimo) e restano quindi ancora lontane dal target del 2%. Poi perché la crescita del livello medio dei prezzi non deve essere “drogata” da fattori esogeni, come il costo delle materie prime, ma si deve basare sull’aumento dei salari, che attualmente non c’è. Senza contare che la crescita del pil, pur incoraggiante, in prospettiva è declinante (quest’anno +1,9%, il prossimo +1,8%, tra due +1,7%), e dunque ancora così bisognosa di stimoli che qualcuno sostiene che addirittura si debba aumentare e prolungare il QE.

In ogni caso l’exit strategy sarà graduale, anche perché oltre ai rischi interni all’eurozona (compresi quelli politici, vedi Regno Unito e Italia) ci sono quelli, assai minacciosi, della geopolitica e della geoeconomia: il pericolo di un brusco rialzo del prezzo del petrolio, le crisi bancarie – la vicenda Banco Popular dimostra che non ci sono solo in Italia, anche se in Spagna l’hanno risolta in una settimana – le tensioni internazionali (Qatar, Nord Africa, Russia, Corea del Nord) sono solo alcune delle più recenti. Le previsioni di alcuni analisti, per cui entro il 2022 si dovrebbe scatenare un’altra tempesta finanziaria, anche se plausibili per fortuna sono solo ipotesi. Ma è già un dato di fatto che oggi circoli nel mondo una quantità di derivati maggiore di quella che c’era nei giorni precedenti allo scoppio della crisi del 2007. I mercati anticipano sempre le tensioni, tanto è vero che lo spread italiano è sceso dopo il fallimento della legge elettorale, e quindi l’allontanarsi di elezioni in un clima di imprevedibilità, mentre la Borsa britannica è crollata di fronte al rischio di instabilità parlamentare.

Ma super-Mario non è da meno in quanto a capacità di anticipo. Stavolta lasciando intendere che, prima o poi, l’era dei tassi a zero finirà.  Ma, mentre i mercati sono sempre all’erta, gli Stati spesso restano a guardare. L’Italia, per esempio, ha reattività zero. Eppure dovrebbe esserlo, perché il miglioramento dei conti pubblici è in gran parte dovuto proprio alle scelte della Bce. Nel 2012, prima del bazooka di Draghi, abbiamo speso 86 miliardi di interessi sul debito, quest’anno siamo scesi a 66,5, un quarto in meno, pari a circa l’1,3% del pil. Ora, potrà essere nel 2018 o anche più tardi, ma questa finestra di “denaro facile” si chiuderà. Con un debito che si avvicina ai 2300 miliardi, avremo sicuramente un problema grave. Che richiede interventi determinanti entro i prossimi 12 mesi. Altrimenti saranno guai grossi. (twitter @ecisnetto)

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario