ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Articoli » 
  • 20170321 - L'Europa ridimensiona l'output gap

60 anni di Unione

L'Europa e l'output gap

Come cambiano le idee sui paramenti di bilancio dell'Unione

di Giuseppe Pennisi - 21 marzo 2017

Mentre fervono i preparativi per le celebrazioni per i sessanta anni dalla firma del Trattato di Roma, proseguono le discussioni tra Italia e Commissione Europea sulla politica di bilancio. Ci vorranno ancora alcune settimane perché vengano pubblicate le 'pagelle'. Due elementi importanti di questo confronto, il Documento di Economia e Finanza (Def) ed il Piano Nazionale di Riforme (Pnr) saranno varati il 10 aprile. Tuttavia, la metodologia che si sta mettendo a punto in queste settimane sembra differire da quella del recente passato, che aveva come elemento determinante le stime dell’output gap (le differenze tra prodotto potenziale ed effettivo), modalità che prevede procedure di misurazione significativamente differenti. Il Bollettino di Ricerca della Banca centrale europea ha dedicato mesi fa un capitolo alle dimensioni dell’output gap nell’area euro ('How Large is the output gap in the euro area' è il titolo dello studio), nonché una serie di documenti tecnici di approfondimento, da cui si deduce che i calcoli dell’output gap non sono solo estremamente reattivi ai dati utilizzati (specialmente su disoccupazione e salari) ma sono facilmente «suscettibili di manipolazioni econometriche » (un rilievo pesante per un metro di giudizio per politiche economiche e finanziarie). La Bce cita «manipolazioni» nelle stime Fondo Monetario ed Ocse nonché negli stessi lavori fatti nei propri servizi. È probabile che a partire di questa primavera il ruolo dell’output gap (e le conseguenti polemiche sulle procedure di stima) verrà de-enfatizzato. E si adotterà un altro percorso: la sincronizzazione dei cicli economici, ossia in che misura le varie economie dell’Unione Europea (Ue) , non solo dell’area dell’euro, marciano allo stesso passo in fasi di espansione e di contrazione.

Uno studio quantitativo di Markus Ahlborn e Marcus Wortmann della Georg-August Unversitaat di Gottigen ('Output Gap Similarities in Europe: detecting country groups' il titolo) usa la sincronizzazione dei cicli come metro, uguale per tutti, per stimare l’output gap.

Nel lavoro la sincronizzazione dei cicli diventa il metro, uguale per tutti, per stimare l’output gap. Applicando la metodologia statistica a 27 Paesi (i 28 dell’Unione meno Cipro, Malta e Lusssemburgo, più Norvegia e Svizzera) ed utilizzando i dati trimestrali del Pil dal primo trimestre 1996 al quarto trimestre 2015, lo studio identifica un gruppo centrale di ciclo economico europeo, ossia di Paesi che si muovono alla stesso passo e che quindi costituiscono un’area omogenea. Questi sono i Paesi strettamente collegati alla Germania come Danimarca, Svezia, Svizzera e il Regno Unito, il Benelux, nonché la Repubblica Ceca, la Polonia e l’Ungheria (tre Stati che secondo l’analisi sono pronti ad adottare l’euro).

Secondo questa analisi, nel periodo 1996-2007, l’Italia era prossima a questo gruppo, ma se ne è distaccata in misura significativa successivamente. Se non effettuerà riforme economiche drastiche, se ne distanzierà ancora di più. Aumentando le proprie difficoltà in materia sia di debito e finanza pubblica sia nel sociale (occupazione, diseguaglianze)

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario