ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Articoli » 
  • 20170301 La guerra commerciale è iniziata

Il mondo dopo Trump

Ecco la guerra commerciale

Siamo in una fase di de-globalizzazioni. Fasi che in passato sono sempre sfociate in guerre

di Giuseppe Pennisi - 01 marzo 2017

Stamo entrando in una pericolosa fase di deglobalizzazione. Pericolosa non solo in quanto commercio e movimenti di capitali, di aziende e di per­sone hanno sempre voluto dire un mondo più libero per tutti. Ma anche perché le precedenti fasi di deglobalizzazione, da fine Ottocento, hanno sempre portato a conflitti, anche armati e di grandi dimensioni.

Questa volta gli occhi sono puntati sugli Stati Uniti, che furono il motore sia della prima fase della globalizzazione (1870-1910), sia della seconda (dalla fine della Seconda guerra mondiale ai giorni nostri); e lo furono grazie al commercio internazionale e alle migrazioni, facilitate dal progresso tecnico nel settore dell’energia e dei trasporti. Questa volta, invece, gli Stati Uniti minacciano di essere i protagonisti della deglobalizzazione, proprio partendo dal commercio.

Non tanto per le promesse e le concessioni elet­torali fatte dal presidente Usa durante la campagna presiden­ziale, quando il blocco sociale dell’elettorato americano è cam­biato. Seguo queste tematiche da circa cinquant’anni (ossia da quando ero in università e a Villa Le Bocage a Ginevra si ne­goziava quello che sarebbe stato il Kennedy round of multilateral trade negotations). Se, per semplificare, dividiamo gli Stati Uniti in due blocchi elettorali, senza dubbio il Partito demo­cratico rappresentava quello meno aperto alla liberazione degli scambi internazionali. Al contrario, il Gop repubblicano è sempre stato marcatamente più favorevole all’apertura al commercio mondiale.

Ci sono state ragioni storiche: i proprietari e gli operai al nord votavano per i democratici, ma chiedevano in cambio protezio­ne per i propri prodotti, mentre il sud (sino a metà Ottocento e quindi alla Guerra di secessio­ne) vivevano di esportazioni di derrate e, quindi, di libertà degli scambi.

Nei decenni, la composizione geografica e sociologica degli Stati Uniti è mutata. Oggi il Gop ha forti insediamenti in un nord in declino industriale; di converso, in estrema sintesi, il sud ha perso interesse per la libertà degli scambi mentre, essendo altamente tecnologico, uno dei suoi maggiori obiet­tivi è la tutela della proprietà intellettuale.

Si pensava che le dichiarazioni di Trump in materia di commer­cio elettorale servissero princi­palmente a raccattare voti. In­vece, le prime promesse fatte in materia di politica commerciale sono state mantenute dal giorno del suo ingresso alla Casa Bian­ca; con un decreto presidenziale ha fatto uscire gli Usa dalla Trans-Pacific partnership (Tpp), vasto accordo commerciale e sugli investimenti, la cui ratifica da parte degli altri partner non era, peraltro, sicura. Con

 

l’uscita degli Stati Uniti, muore anche il Transatlantic trade and investment partnership (Ttip), peraltro ancora in fase di non facile trattativa.

Nei trent’anni, però, anche le vie del commercio interna­zionale sono profondamente mutate. Nella catena del valore, ad esempio, tre Paesi sono strettamente legati: Usa, Cina e Messico. In un settore come quello metalmeccanico, ad esempio, gli elementi di base vengono fabbricati in Cina e da lì raggiungono gli Usa, dove vengono trasformati in compo­nenti d’auto per l’assemblaggio finale in Messico. Questi stretti nessi nella catena del valore fan­no sì che la guerre commerciali di oggi e domani saranno meno violente di quelle del XIX e XX secolo. Probabilmente, però, saranno più rumorose.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario