ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Articoli » 
  • 20160223 - Voto a Renzi? Sei meno

Intervista al prof. Pasquino

Voto a Renzi? Sei meno

Il politologo è critico con il premier: "Tanti annunci roboanti ma poche cose buone" 

di Gianfranco Pasquino - 24 febbraio 2016

Intervista di Anna Maria Greco per “Il Giornale”

Professor Gianfranco Pasquino, che voto dà a Renzi? «Un 6 meno».

All'orlo della sufficienza, motivazione politica? «L'allievo è volenteroso, si applica con impegno, corre molto con le parole ma le realizzazioni sono scarse. Promesse roboanti, fatti declinanti».

Di buono che ha fatto? «Poche cose, ma ci sono. Il Jobs Act dovrà comunque produrre qualche cambiamento positivo. La Buona scuola era necessaria, resta da vedere la sua applicazione da parte del ministero e dei presidi: quanti eserciteranno fino in fondo il loro potere?».  

Noto che non include Italicum e Senato. «Perché il mio giudizio è molto negativo. La legge elettorale è brutta, non rispetta la sentenza della Consulta e ha elementi di incostituzionalità, come diceva Napolitano prima di diventare renziano. Quella del Senato è una trasformazione, non un'abolizione. Non è una Camera delle autonomie alla tedesca, né un Senato francese più piccolo. In più, ha 5 senatori nominati dal Quirinale. La riforma è confusa, crea un sistema squilibrato e neppure chiarisce i compiti dei senatori».

Renzi lega il suo destino al referendum: mossa giusta? «No, così lo trasforma in un plebiscito su se stesso e usa in modo scorretto la Costituzione, che lo vuole promosso dai cittadini, non dal governo. Minacciare: se va male me ne vado serve a dire che lui interpreta il sentire del popolo».  

Negli ultimi 2 anni in parlamento c'è stato un gran mercato, con continui passaggi da un partito all' altro. «L'Italia ha una lunga tradizione di trasformismo. Dal 2013 circa un terzo dei parlamentari ha cambiato casacca, credo 22 per il Pd di Renzi. Che attrae quasi automaticamente nuovi adepti, perché è grande, in grado di offrire risorse e poltrone, in più ha la prospettiva di vincere le elezioni».

Il premier ama governare con maggioranze variabili? «Una brutta storia che il trasformismo incoraggia. Se un governo ha una maggioranza dovrebbe reggersi su quella. Altrimenti, deve ricompensare di volta in volta i nuovi arrivati togliendo o mettendo qualcosa nelle leggi». Il

Rottamatore è rimasto fedele ai suoi primi slogan? «In parte sì, perché una certa classe politica Pd l'ha rottamata. Ma se Veltroni e D'Alema erano da rottamare, perché pescare vecchi nomi per ruoli che vorrebbero facce nuove? Il problema è che Renzi non ha una prospettiva complessiva di come rinnovare il Pd. Mi preoccupa sentire che la nuova classe dirigente nascerà dai comitati referendari. Così fa fuori la sinistra».

Il Pd perderebbe ancor più la connotazione di sinistra? «Per me, l'ha già persa».

Renzi punta al partito della Nazione? «L'idea è tremenda, lui di tanto in tanto la smentisce. Abbiamo già visto la Dc, che occupava solidamente il centro impedendo l' alternanza, ma per la democrazia ci vuole competitività. Come segretario Pd ha concentrato nelle sue mani il potere, lo stesso ha fatto come premier. Ma almeno eviti di usarlo male, imponendo emendamenti canguro e voto di fiducia che limitano il dibattito parlamentare, come per le unioni civili. E su una materia non di governo, ma che investe il nostro modo di pensare». Come finirà? «Sono politologo, non astrologo. Renzi ha capito che non deve consentire a M5S di gridare vittoria. Probabilmente toglierà la stepchild per far passare il resto».

E l'attacco all' Europa? «L'idea di riacquistare un ruolo sulla scena europea è buona, ma realizzata male. Lo scontro frontale non produce niente di positivo, anche Cameron ha ottenuto poco e ha più potere di Renzi. Quando si critica bisogna avere una soluzione e degli alleati. Lui non ha né l' uno né l'altro, chiede solo maggiore flessibilità, cosa non molto popolare a Bruxelles. Bene l'operazione di imporre la Mogherini per la politica estera Ue, ma perché poi non la sostiene?».

Nello duello Renzi-Monti chi vince? «Nessuno ne esce vincitore, ma ha ragione Monti perché conosce meglio l'Europa e la sua burocrazia. È una visione da tecnocrate? Non so, forse va corretta, ma comunque va ascoltato».

 

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario