ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Articoli » 
  • 20150720 - Il rischio delle unioni civili

Il ddl Cirinnà all'esame del Parlamento

Il rischio delle unioni civili

Ncd scatena guerriglia al Senato. La maggioranza sbanda sul riconoscimento dei diritti civili

di Massimo Pittarello - 20 luglio 2015

Come la maggioranza degli italiani, sono favorevole alle unioni civili. Personalmente, anche alle adozioni per coppie gay. Però, mi domando, proprio adesso? Il Parlamento è intasato come l’autostrada a Barberino del Mugello il primo weekend di agosto e, dopo aver approvato i provvedimenti su pensioni e scuola, è adesso incastrato a convertire i decreti legge su diritto fallimentare ed enti locali, a riformare la Costituzione, la Pubblica amministrazione, la Rai, la Concorrenza.

 

Ora, va bene che la cifra del nuovo corso renziano sia la velocità, ma nel traffico parlamentare di questa estate la risicata maggioranza al Senato rischia di sbandare, tanto più che in alcune Commissioni nemmeno c’è più. Poiché di Verdini ce n’è un solo e i soccorsi in arrivo dai suoi parlamentari al governo, oltre che ambigui, non possono certo essere infiniti, perché infliggere un’ulteriore umiliazione ad Ncd, cattolicissima seconda gamba della maggioranza?

 

Nemmeno un mese fa proprio i centristi hanno indetto a San Giovanni una manifestazione a sostegno della “famiglia tradizionale” con Quagliariello che prometteva una “battaglia parlamentare fino in fondo”. Dopo la conversione gay-friendly di Berlusconi, quella della “sacra famiglia” è tra le poche battaglie rimaste agli alfaniani. Ecco, è opportuno affondare il colpo su un tema che sottolinea per l’ennesima volta la subalternità al Pd dell’Ncd e la sua indisponibilità a far cadere il governo e ad andare al voto?

 

Oltretutto, con un provvedimento dai risvolti economici pressoché nulli in un periodo in cui l’iniziale esaltazione degli italiani verso Renzi sta cedendo spazio alla delusione per un’economia che non riparte. Anzi, a livello finanziario le unioni civili implicano la sola ricerca delle coperture per assicurare la reversibilità delle pensioni e degli assegni familiari. Così, mentre infiammano le polemiche sui diritti dei gay, piazze e movimenti si contrappongono, tra commissioni, pareri, emendamenti e rinvii il ddl Cirinnà rischia di finire nel pantano parlamentare, mettendo Renzi con le spalle al muro di dover dire un si o no secco a Ncd.

 

Eppure, le previsioni di crescita dell’Italia sono la metà della media dell’eurozona e un terzo di quelle dell’Unione europea. Incombono l’incognita Grecia e quella dell’Ucraina, la prossima legge di Stabilità, gli oneri imprevisti derivanti da quattro pesanti sentenze della Corte Costituzionale (pensioni, dirigenti dell’Agenzia delle entrate, blocco degli aumenti ai dipendenti pubblica amministrazione, Robin Tax), la mancata spending review e le clausole di salvaguardia. Non so quanto consenso abbia garantito al governo l’approvazione del divorzio breve, però so nessun buon matrimonio, nemmeno quello omosessuale, si fa pochi soldi. O coi fichi secchi. (twitter @gingerrosh)

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario