ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Articoli » 
  • 20140721 - La sentenza costituzionale

Berlusconi assolto

La sentenza costituzionale

Dopo l’assoluzione o si cambia governo, integrando Forza Italia, magari al Ministero degli Esteri, oppure aspettiamoci sorprese in autunno

di Davide Giacalone - 21 luglio 2014

Dove sta scritto che l’assoluzione di Silvio Berlusconi porta con sé un più spedito e sereno cammino delle riforme costituzionali? Sta scritto su tutti i giornali, lo so. Ma è sensato? Mica tanto. Per ragioni di diritto, di economia e di politica lo svanire di un potenzialmente micidiale gravame giudiziario dovrebbe (letteralmente) liberare la scena e restituire alla normalità i rapporti fra le parti. Il che non depone affatto nel senso della bonaccia e della bonomia. Vediamo quelle regioni e il perché.

 

Per noi garantisti non cambia granché, quindi le ragioni di diritto potrebbero essere facilmente liquidate: Berlusconi, in quel procedimento, innocente era e innocente è rimasto. Posto che deve ancora concludersi e che di condanna ne sta già scontando una. Ma al club del vero garantista siamo iscritti in pochi. Sento dire che l’assoluzione si deve al cambiamento del clima e che, pertanto, quell’atmosfera andrebbe preservata. A dirlo sono anche quelli che s’erano spesi nel sentenziare, quando le accuse fioccavano sul leader del centro destra, che le questioni giudiziarie devono essere sempre separate da quelle politiche. Segno che il club dei coerenti è in concorrenza con quello dei garantisti, in quanto a scarso affollamento. Sento ripetere che se, invece, fosse stata confermata la condanna, allora sì che le riforme sarebbero saltate. Ma il diretto interessato aveva detto e ribadito il contrario: se mi condannano si va comunque avanti. Siccome lo hanno assolto, vale lo stesso? Non è affatto scontato, perché, semmai, si potrebbe così ragionare: fare il buonino ha reso, ma ora la partita è chiusa, il processo di Napoli, sull’ipotesi che dei senatori siano stati comprati, andando avanti distrugge il Parlamento, non l’imputato, il resto, giudiziariamente parlando, è remota frattaglia. Se quella era la ragione del profilo compromissorio, è cessata.

 

Aggiungo solo, sul merito di quel processo, che tanti moralismi hanno dato il voltastomaco, che l’idea di tradurre in reato quel che si nega essere anche solo peccato è da ipocriti e vili, senza dimenticare, però, che ero e resto convinto che certe condotte personali sono incompatibili con il ricoprire incarichi collettivi. Senza moralismo, ma con realismo.

Le ragioni economiche sono quelle che trovo decisive. Comunque la si metta, comunque si corra nel votare alla cieca la riforma del Senato, del Titolo quinto e della legge elettorale, comunque queste cose giungeranno a compimento assai dopo che, a settembre, si dovranno rifare i conti. Se la crescita, come prevede la Banca d’Italia, sarà appena un quarto di quell’asfittico 0,8% previsto dal governo, si dovrà mettere mano a una legge di stabilità sgradevole. Anche se si dovesse trattare di soli tagli (magari!), cosa cui crederò solo dopo averlo non solo visto, ma toccato. Il ministro dell’economia, Pier Carlo Padoan, si trova in una condizione sempre più difficile: da una parte garantisce (anche a nome del Quirinale) ai partners europei che l’Italia manterrà le promesse, dall’altra asserisce che le regalie possono continuare, anzi allargarsi (come ancora prometter Matteo Renzi), cosa per cui mancano le premesse. Si ripete con insistenza che Renzi voglia spostare Padoan. Il solo risultato che otterrebbe è il venir meno della garanzia. Produrrebbe solo rigore e rigidità.

In ogni caso, questa roba arriva assai prima delle riforme, quindi, ammesso e non concesso che le legioni parlamentari marcino compatte e spedite, per strada troveranno la palude economica. Che prenderà il sopravvento.

 

Infine c’è una ragione politica. Chi scalpitava, all’interno di Forza Italia, poteva essere tenuto a bada dicendogli: incosciente, tu uccidi il padre. Ora babbo è salvo, quindi si può ricominciare a vociare. Vero che l’invocazione della grazia potrebbe essere la premessa di un nuovo richiamo al silenzio, ma siccome non ci sarà (né il silenzio né la grazia), si preparino a vociare doppiamente. Chi mordeva il freno, all’interno del Partito democratico, del resto, poteva essere imbrigliato obiettando: pazzo, non vedi che così lo cuciniamo e non può reagire, mentre i suoi sono allo sbando? Ora il rosolato è sceso dallo spiedo, i suoi hanno festeggiato, i compagni hanno deglutito facendo finta di non avere passato venti anni a fare i fascistoni giustizialisti, sicché possono rispondere domandando: oh pimpirimpinino, non è che dopo la manovra economica sarai riuscito nel capolavoro di far fare il costituente a un condannato e far condannare noi come fanfaroni e affamatori?

 

Insomma, l’impressione è che, al di là dei tanti meteorologi che parlano con il naso all’insù, dopo l’assoluzione o si cambia governo, integrando Forza Italia e assegnandogli, tanto per essere chiari, il ministero degli esteri, oppure, coerentemente con il sopraggiungere dell’autunno, nel mentre si decanta il sereno sarà bene tenere a portata di mano l’ombrello.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario