ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Walter e il Cavalier di San Babila

È il voto il vero bandolo della matassa politica

Walter e il Cavalier di San Babila

Mantenere il principio dell'alternanza significa mantenere anche il principio della maggioranza

di Antonio Gesualdi - 28 novembre 2007

Dove sta il nocciolo della politica? Nel voto, naturalmente. E chi ha il voto, oggi, tra i partiti? Berlusconi e Veltroni. Se proiettiamo gli ultimi dati elettorali il Pd e il Ppl dovrebbero raccogliere il 60% dei consensi. E allora le prossime mosse politiche dipenderanno tutto da questi dati. Se si vuole scoprire le carte, allora bisogna andare a votare. Se non si vogliono scoprire, allora bisogna ipotizzare che la stima può essere attendibile. Il Pd raccoglie il voto di Ds e Margherita e il costituente partito di Berlusconi dovrebbe sommare i voti di Forza Italia più quelli portati dai vari Giovanardi. Insomma un circa 30% ciascuno.

Se questo è il dato reale non c"è altra via di uscita dal disastro politico del Paese che trovare un compromesso - il più alto possibile - tra Veltroni e Berlusconi. E il compromesso possibile è solo nella legge elettorale in versione proporzionale: unica possibilità per gli italiani di contarsi e, poi, trovare un governo in grado di fare riforme urgentissime: pensioni, spesa pubblica, riduzione del debito. E se proprio volessimo rinsavire in fretta - visto che è quasi obbligatorio il passaggio al proporzionale - potremmo approfittarne anche per un"Assemblea Costituente.

L"incontro Fini-Veltroni è stato già archiviato come una commedia con il gioco delle parti fin troppo scoperto. Probabilmente anche l"incontro Casini-Veltroni finirà per occupare qualche pagina di giornale e niente più. Una commedia degli equivoci dove le parole servono per alimentare giochi di parole. Con Berlusconi potrebbe andare anche peggio: accordo su una legge elettorale, ma totale disaccordo sulle riforme istituzionali. Anzi, sulla legge elettorale, ci sarà comunque da risentire la Lega Nord che, finora, resta alla finestra, ma che al momento giusto andrà a riscuotere dove più ce ne sarà. Se allungare i tempi è un obiettivo che Fini e Casini (e Prodi) possono anche, legittimamente, perseguire: ovvero tirarla per le lunghe perché entrambi vanno incontro a divisioni e fratture all"interno dei rispettivi partiti. Dall"altra parte Berlusconi e Veltroni sono ingabbiati in una tempistica oltre la quale sia il Pd che il Ppl finirebbero nel mare aperto dell"indecisionismo. E ne guadagnerebbe il Governo Prodi che si trascina, e continuerà a farlo finché non si apprestano alternative. Il Cavaliere di San Babila entro gennaio avrà un nuovo partito; nuova classe dirigente e dovrebbe avere, appunto, quel 30% di voti possibili, tutti suoi. Ma non per molto.

Il Sindaco della Capitale ha circa altrettanto e, anch"egli, non ce l"avrà per molto. In politica la fiducia e l"entusiasmo contano molto e quindi vanno rispettati anche i tempi. La trippa, insomma, è tutta lì; nei voti in un determinato tempo storico. Le opzioni, quindi, sono semplici: se si vuole mantenere il principio dell"alternanza di governo (che molti confondono col bipolarismo o bipartitismo) occorre mantenere anche il principio della semplice maggioranza. E Pd e Ppl fanno il 60%. Oggi al Pd e al Ppl conviene un compromesso.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario