ultimora
Public Policy

Il nuovo film di Oliver Stone

Wall Street? Scontato

Abbiamo visto per voi l'ultimo capitolo della saga di Gordon Gekko

di Marco Scotti - 25 ottobre 2010

“Voi siete la generazione dei tre niente: niente lavoro, niente reddito, niente risorse”. Così Michael Douglas, alias il cattivissimo Gordon Gekko, sancisce il suo ritorno sugli schermi, parlando ad una platea di giovanissimi newyorkesi. E vogliamo partire proprio da qui per la nostra recensione su un film che, lo diciamo subito, ci ha lasciati decisamente perplessi.

La crisi dunque, il tracollo delle banche, ma anche l’etica, il “rischio morale”, i titoli tossici, i derivati e chi più ne ha più ne metta. Sembra che Oliver Stone si diverta a lanciare nel calderone tutto quello che ha creato gli sconquassi recenti della finanza mondiale. Ma eccede, colpevolmente, sostenendo regie da grande fratello nella recessione globale: era tutto deciso, tutto preordinato, e tutto realizzato da una regia neanche troppo occulta. È ancora Gekko che ci sorregge, con una frase dolorosamente vera: “l’ingordigia ci ha ridotti come siamo”: è quella che spinge il macellaio sotto casa “ad avere due case e a rinegoziare un mutuo sulla terza. O è quella che fa in modo che i vostri genitori chiedano in prestito, per una casa che ne vale 200.000, 250.000 $, spendendo quei 50.000 in più al centro commerciale”. Ecco, è proprio qui che però finisce la nostra approvazione per il sequel del primo e indimenticato (ahimè) Wall Street.

Perché se Stone si era prefisso di fare un film sulla crisi ha, a nostro giudizio, sintetizzato troppo, reso quasi ridicole certe situazioni, come ad esempio il fallimento di Lehmann Borthers. Se invece Stone voleva prendere a pretesto la bolla per raccontare una storia d’amore e di soldi, la storia di un ritorno alla vita dopo otto anni di galera o qualsiasi altra cosa, ha orchestrato una trama deboluccia e scontatissima. Se, infine, Stone ha deciso che il tema del suo film doveva essere l’avidità, la cupidigia e l’offuscamento determinato dai soldi, ecco, anche in questo caso ha fallito. Perché è vero che la colpa della crisi è dei mutui subprime, dei titoli tossici, delle scommesse sui CDS e sui derivati. Ma quello che forse non viene analizzato a fondo, se non tramite il discorso di Gekko sopra citato, è che la colpa della crisi è delle banche nella misura in cui hanno concesso mutui a tutti, agli ottantenni come ai disoccupati, utilizzando come unica garanzia la casa stessa “perché tanto il prezzo delle case cresce sempre”.

Un ultimo lamento, infine, mi si permetta di levarlo proprio alla figura di Gordon Gekko. Nel primo episodio era un uomo d’affari senza scrupoli, tradito dalla sua stessa cupidigia tanto da finire dietro le sbarre alla fine del film. Nel secondo è invece un uomo di mezza età che aspetta l’occasione che puntualmente gli verrà data per ricominciare i suoi affari. Ma con due differenze: investe su chi ha perso, facendo incetta di titoli di aziende sull’orlo del baratro e ha ritrovato un briciolo di cuore che gli deriva dal nipote in arrivo. In sostanza, una figura a metà, un uomo che potremmo definire travagliato, ma che in realtà sembra essere incompiuto. E questo è un peccato esiziale, rendere personaggi efficaci delle maschere, quasi delle macchiette. Se fossimo nei panni di Paolo Mereghetti e dovessimo redigere il suo famoso dizionario, non ci spingeremmo oltre la stella e mezzo. Con un giudizio: scontato.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario