ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Via i ricercatori, dentro i clandestini

L’Italia è incapace di gestire l’immigrazione

Via i ricercatori, dentro i clandestini

Un caso di fuga di cervelli. E’ colpa della questura che non riesce ad inquadrarlo

di Davide Giacalone - 08 febbraio 2007

La storia di Bulat Sanditov è esemplare di come l’Italia abbia masochisticamente deciso di affondarsi nell’incapacità di gestire l’immigrazione. Siamo pieni d’immigrati clandestini, abbiamo rinunciato a fare quello che fanno gli inglesi e tutti i Paesi governati razionalmente, vale a dire sceglierci gli immigrati, la conseguenza è che non riusciamo a bloccare l’afflusso di persone non qualificate, spesso direttamente consegnate alla manovalanza delinquenziale, le nostre forze dell’ordine, i nostri parlamentari e governanti passano ogni giorno indifferenti davanti ad immensi mercati illeciti, organizzati per le vie di ogni dove, e partoriamo normative che servirebbero a reprimere e rimpatriare, ma di fatto servono solo a fregare Sanditov.

Lui non è un immigrato clandestino, ma un ricercatore universitario che ha vinto una borsa di studio alla Bocconi e che è entrato in Italia del tutto regolarmente. Non solo si mantiene lavorando, ma c’è anche il rischio che crei ricchezza in Italia. Nonostante questo ci sono voluti mesi e tribolazioni per fargli avere un permesso di soggiorno, dato che la questura di Milano non riusciva ad “inquadrare” il caso. La moglie, che fa l’avvocato in Russia, ha potuto vivere con il marito solo tre mesi, con un banale permesso turistico, poi è dovuta rientrare. Nel frattempo aspetta il loro primo figlio. Sanditov chiede il ricongiungimento, naturalmente dimostrando di avere un appartamento e di avere i soldi per mantenere la famiglia. Ma la questura rifatica ad “inquadrare”. Esasperato l’interessato scopre che in Olanda non solo può trovare lavoro, ma può anche risolvere in fretta tutti i suoi problemi cartacei e burocratici, quindi si appresta a lasciarci per andare a vivere, con regolare permesso, assieme alla moglie ed in lieta attesa dell’erede. Salutate Bulat Sanditov, e fate ciao ciao con la manina al suo valore di ricercatore, alla sua testa ed alle sue idee. Poi voltatevi, e fate un ciao ciao di benvenuti alla moltitudine di disperati cui, presto o tardi, offriremo una bella sanatoria.

www.davidegiacalone.it

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario