ultimora
Public Policy

La batosta elettorale e la fine del berlusconismo

Verso la svolta

Il "dopo" non può che essere una nuova Assemblea Costituente che dia vita alla Terza Repubblica

di Angelo Romano - 31 maggio 2011

Sandro Bondi, con eleganza, si é già dimesso. Sotto a chi tocca. La batosta elettorale del Pdl non può lasciare nessuno impunito, dal centro alla periferia. Il Cavaliere ha le sue colpe, prima fra tutte la rottura con Fini che lo conteneva, che ne incanalava l"esuberanza nell"alveo della politica, ma ancora più colpevoli sono gli ottusi consiglieri, gli acritici lacché, gli yes-man con la sindrome del no, i tanti, quelli si, "senza cervello", cresciuti all"ombra e nella venerazione del capo, nutriti acriticamente dal suo "carisma" e mai da una buona lettura, irrobustiti dal pensiero unico, incapaci di critica e mai desiderosi di confronto, i teorizzatori del partito carismatico, i costruttori delle "macchine del fango", i mezzani compiacenti, i procacciatori di puttane, gli organizzatori di cricche, i cacciatori di appalti contro mazzette, gli elargitori di benefici in cambio di "massaggi", di appartamenti che piovono dal cielo e di vacanze dorate, i sostenitori del parlamento dei nominati, del falso bipolarismo, della consociazione perpetua, del mercato dei parlamentari, gli alfieri di una Seconda Repubblica promessa e mai nata.

Parassiti, zecche sul corpo della Repubblica che Berlusconi, nel suo delirio di onnipotenza, non ha visto o non ha voluto vedere o ha sottovalutato e tollerato. Quanto basta per processarlo davanti al tribunale della storia - altro che toghe rosse - e condannarlo all"esilio dalla politica per alto tradimento delle speranze di un popolo che gliele aveva affidate, confidando in lui. Queste elezioni sono il presagio della fine di un mondo che non ci piace: edonista, consumista, narcisista, egoista, arrogante e conformista, sono il presagio del cambiamento che rompe gli schemi, del nuovo che si coagula, di un popolo che si scuote dal letargo, dalla monotonia soporifera dell"imbonimento televisivo, per riappropriarsi del suo destino, della libertà non più marchiata Berlusconi.

E rappresentano anche l"epilogo della Seconda Repubblica e del falso assetto bipolare visto che, spontaneamente, nasce a Napoli come a Milano, un altro Polo: quello della protesta liberatoria e libertaria, che già aveva messo radici con gli exploit, a macchia di leopardo, dei grillini. Occorre pensare al "dopo" e per questo é tempo di autocritica. Per tutti. Per la sinistra, che deve imparare a rifiutare ogni rapporto di vicinanza o di scambio con la magistratura politicizzata (che esiste e non é un"invenzione del Cavaliere), affinché tutta torni ad essere un potere davvero indipendente, che deve reimpostare le sue "relazioni sindacali", per non perpetuare l"ingiustizia sociale tra ceti protetti ad oltranza ed altri abbandonati alle tempeste del mercato.

Per la destra, che deve imparare che non esistono "uomini della provvidenza", ma solo persone più capaci e disponibili a perseguire il bene collettivo. Per il Centro che non può sempre pretendere di farsi ago della bilancia. Per la Lega che non può non capire che l"Italia é una e indivisibile e che il federalismo può essere benefico solo se si supera l"attuale regionalismo. E il "dopo" non può che essere una nuova Assemblea Costituente che dia vita alla Terza Repubblica.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario