ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Verso il modello proporzionale tedesco

Urge un sistema elettorale di stampo “Merkel”

Verso il modello proporzionale tedesco

Per favorire il ritorno della politica delle identità occorre guardare alla Germania

di Mauro Del Bue - 24 luglio 2007

Si sta facendo sempre più strada, tra le forze politiche d"ambo i poli, la preferenza per il modello elettorale tedesco, proporzionale e con sbarramento elettorale più elevato. Un modello che non implica coalizioni e che dà la possibilità di esaltare le singole identità. Un modello che è certo guardato con grande diffidenza da An, tanto che Fini ha scelto di schierarsi apertamente a favore del referendum di Segni, che preserva e accentua invece il bipolarismo. E questa operazione di separazione da Berlusconi è anche da mettere in relazione alla disponibilità dello stesso Berlusconi e dei suoi uomini (Bondi e Bonaiuti) di incamminarsi verso la scelta del modello tedesco. La marcia verso il ritorno della politica delle identità risulta fondamentale per la riuscita dell"operazione del rilancio di quella liberalsocialista. Stupisce forse solo i distratti che in questo modello creda la cosiddetta sinistra radicale.

Se An paventa il rischio di finire fuori dal gioco in un futuro equilibrio governativo che faccia perno su una vasta area di centro e su una sinistra riformista, allora perché Bertinotti, Diliberto e Mussi la prediligono? A mio giudizio perché essi stessi preferiscono costruire una forza consistente di opposizione piuttosto che una ingombrante costola del governo unionista. Si sono votati, più che a conquistare il governo, a conquistare l"opposizione, esaltando la loro fondamentale natura antagonista.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario