ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Vendo tutto e “scappo”a Londra

Il “furbetto” in esilio nella City

Vendo tutto e “scappo”a Londra

Si schiudono nuovi orizzonti per l’immobiliarista Stefano Ricucci

di Alessandro D'Amato - 06 settembre 2007

Proprio come Mazzini. Stefano Ricucci ha deciso: vende tutto e se ne scappa a Londra, dove si ricostruirà un futuro di immobiliarista. L’annuncio lo dà in una lunga intervista al Sole 24 Ore, nella quale confessa che il suo errore più grande – oltre a qualche “sbaglio” con il fisco – è stato “l’aver cercato di entrare a far parte del salotto buono senza essere invitato”, e qualcuno gliel’ha fatta pagare. Ed è strano che colui il quale ha coniato l’espressione “furbetti del quartierino” abbia deciso di fare queste rivelazioni proprio al giornale da lui ripetutamente accusato di averlo colpito per fare un piacere all’establishment (e al quale ha chiesto un risarcimento danni di 120 milioni di euro).

Anche perché, come farebbe giustamente notare lui, l’ex marito di Anna Falchi non è stato di certo l’unico e il solo protagonista dell’estate delle scalate di Fiorani e Consorte, anche se, ad oggi, è quello che ha pagato il prezzo più caro, sia in termini di carcerazione che di sequestri – non sempre giustificati, come ha fatto notare la Cassazione annullando il sequestro del Gip di Milano dei 100 milioni di liquidità a garanzia dell’investimento in Antonveneta – sul patrimonio delle sue imprese. Ma si vede che studiare i primi fascicoli di “English for You” gli avrà sortito l’effetto di mettere la testa a posto.

E quindi le malelingue le quali facevano notare che cambiare paese era necessario per evitare, nel caso di condanna per bancarotta nell’ambito del fallimento della Magiste International, l’inabilitazione all’esercizio di un’impresa commerciale per due anni, sono servite. Nossignori, Ricucci ha semplicemente preso esempio da Giuseppe Mazzini, che proprio nella City andò in esilio, pur continuando a dirigere dalle rive del Tamigi la sua Giovane Italia, organizzazione politica rivolta a educare il popolo agli ideali della libertà. Assolutamente non provvisoria.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario