ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Una vicenda che non finisce di stupire

Alitalia: va in scena il morbo nazionale

Una vicenda che non finisce di stupire

Non ci sono sindacati con cui trattare. Il governo deve tenere una posizione ferma e dura

di Davide Giacalone - 12 novembre 2008

Negli aeroporti va in scena il morbo nazionale. Il problema non è qualche centinaio di piloti ed assistenti di volo, che meriterebbero d’essere buttati fuori, ma la non credibilità della classe dirigente. Il morbo ha roso le carni stesse dello Stato, rappresentato da gente inconcludente. Cominciamo dalle piccole cose: chiudiamo l’inutilissimo garante degli scioperi. Trovo scandaloso che si tenga aperto un ufficio pubblico per avvertire ripetutamente che la legge è violata, senza che accada un accidente. E’ solo uno scrupolo estetico, ma sbaracchiamolo.

Il governo non ha scelta, deve tenere una posizione ferma e dura. L’azienda non ha alternative, deve denunciare chi ne ferma l’attività. Non ci sono sindacati con cui trattare, perché quelli confederali sono corresponsabili del disastro e largamente scavalcati dagli estremisti. I quali ultimi saranno anche degli sconsiderati, ma s’ispirano ad una teoria affascinante: Alitalia è crollata perché in molti hanno rubato, altri approfitteranno, ed è stata amministrata con i piedi, perché mai noi dovremmo essere gli unici a non poterne più ciucciare il mammellone? Non hanno capito la gravità della crisi, ma hanno imparato la filosofia della cogestione: tutti devono mangiare la propria fetta, e reclamano la loro. O si chiama l’esorcista o si telefona alla polizia.

Lo Stato, quindi noi contribuenti, ha dilapidato moltissimo, in Alitalia, e si accinge ad accollarsene i debiti per favorire una cordata di presunti risanatori (la voglio vedere!). Non ci sono margini per far altri regali, anche perché fra qualche settimana la crisi farà sentire i suoi morsi veri, altre aziende andranno in crisi e non è neanche pensabile applicare ad altri questa tecnica del salvataggio oneroso. Lo Stato ci ha rimesso anche in credibilità, lasciando che le proprie leggi fossero ignorate. Ora il tempo è esaurito, come i soldi, quindi i blocchi illegittimi vanno repressi. Il sindacato confederale anticipi questa richiesta, cercandovi l’ultimo appiglio per salvare un proprio ruolo. L’alternativa è l’ordine propiziato dal disordine. E porta male.

Purtroppo molti di quelli che dovrebbero parlare non hanno, oramai, più alcuna credibilità. Troppo invischiati, troppo corresponsabili. Alitalia è divenuta l’autobiografia nazionale, e non è un bel vedere.

Pubblicato su Libero di mercoledì 12 novembre

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario