ultimora
Public Policy

Lo Stato sociale diventa assistenziale

Una spesa iniqua e clientelare

Questo accade con un governo democristiano e che ha in odio le regole del mercato

di Davide Giacalone - 26 giugno 2007

Nulla è più antisociale dell’alimentazione della spesa corrente, nulla è più iniquo del trasformare lo stato sociale in stato assistenziale e clientelare. Chi abbia a cuore gli interessi dei lavoratori dovrebbe oggi avvertire governo e sindacati che spendere anche un solo euro per abbassare, rispetto a quanto già previsto dalla legge, l’età pensionabile, è un gesto da irresponsabili. Oltre tutto ho l’impressione che non sia chiaro quanto segue: i giovani ci rimettono, i lavoratori non vicini alla pensione ci rimettono, i pensionati non ci guadagnano e tutta questa stupida discussione sullo scalone riguarda un numero piccolo di lavoratori, che i sindacati s’incaponiscono a far figurare come fossero l’universo per la sola ragione che, oramai, non sono più sindacati dei lavoratori, ma dei pensionati e pensionandi.

La discussione è stupida perché lo scalone non è ingiusto per l’improvviso innalzamento, calibrato in tre passaggi, dell’età pensionabile, semmai è criticabile perché porta ad una soglia ancora troppo bassa e si sarebbe dovuto far partire prima. Quindi chi oggi ha 57 anni e vuole andare in pensione non è portatore di un ingiustizia, ma di un ingiustificato privilegio.

Se si guardano le curve demografiche dei principali Paesi europei si vede che l’incidenza della popolazione pensionabile, rispetto a quella in età lavorativa, è massima in Italia. Lo si deve al fatto che la mortalità si abbassa (ed è un bene), ma la natalità è crollata e gran parte della manodopera immigrata è irregolare, pertanto non contribuente al sistema previdenziale. Siamo, insomma, quelli che hanno più interesse e bisogno a sollecitare la permanenza nel mercato del lavoro, ma mentre tutti gli altri vanno in tale direzione noi abbiamo governo e sindacati che minacciano di spingerci in quella opposta. Così facendo bruciano ricchezza di tutti a favore di pochissimi, e costringono i cittadini a continuare a subire una pressione fiscale mostruosa per finanziare un sistema inefficiente e sprecone. Il tutto lasciando intatto il debito, che è il vero nostro problema. Questo succede a mandare al governo il peggior risultato dato dalla somma di clientelismo democristiano e sinistra avversione alle regole del mercato. Un binomio che, complici i sindacati, porta male a chi lavora e produce.

www.davidegiacalone.it

Pubblicato da Libero di martedì 26 giugno

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario