ultimora
Public Policy

Elezioni europee: seggi anche alle liste minori

Una soglia, all’italiana?

Quando il legislatore non finisce mai di sorprenderci…

di Livio Ghersi - 26 febbraio 2009

E’ stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale la legge 20 febbraio 2009, n. 10, concernente l’elezione dei membri del Parlamento Europeo spettanti all’Italia. Ricordate le vibranti polemiche pubbliche sulla soglia di sbarramento? Forse, abbiamo scherzato.
L’articolo 1, lettera b), della legge afferma ciò che è conforme a tutte le leggi elettorali che prevedono soglie di sbarramento, a partire da quella tedesca per l’elezione del Bundestag: cioè che, per determinare il quoziente elettorale nazionale, l’Ufficio elettorale nazionale tiene conto esclusivamente «delle cifre elettorali nazionali delle liste ammesse alla ripartizione dei seggi».

Di conseguenza, soltanto le liste ammesse al riparto (cioè quelle che raggiungono o superano il 4 %) dovrebbero ottenere seggi. Più precisamente: ciascuna lista ammessa al riparto ha diritto a tanti seggi quante volte il quoziente elettorale nazionale sia contenuto nella propria cifra elettorale nazionale.

Qualora residuino ancora seggi, che non si sono potuti assegnare per insufficienza di quoziente, vanno alle liste con i resti più alti. Fin qui, tutto secondo logica. Ma, ecco la sorpresa. L’ultimo periodo dell’articolo 1 recita: «Si considerano resti anche le cifre nazionali delle liste che non hanno raggiunto il quoziente nazionale». I sostenitori delle liste minori danno per scontato che questa disposizione, oggettivamente ambigua, vada interpretata a loro favore, per consentire eventualmente un "diritto di tribuna".

Qui non si tratta di legiferare bene, o male, ma di legiferare senza criterio. O si vuole la soglia, o non la si vuole. Invece, all’italiana, si fa soltanto finta di volerla e poi, sotto banco, si lascia aperta questa porticina alle liste che non raggiungeranno il 4 %. Il Legislatore non finisce mai di sorprenderci.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario