ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Una mano nei rifiuti, l’altra in politica

Quando il consorzio diventa un “affare”

Una mano nei rifiuti, l’altra in politica

L’omicidio di Orsi apre il dibattito sulla commistione tra politica, impresa e camorra

di Davide Giacalone - 04 giugno 2008

Il cadavere di Michele Orsi, morto ammazzato a Casal di Principe, pesa sulla politica e non può essere archiviato con frasi di circostanza. Non potrà essere tumulato sperando di chiudere nella bara il terribile messaggio che porta con sé: la politica, l’impresa e la camorra hanno fatto società, ma l’equilibrio regge solo se è la terza a dominare. Sapevate che Orsi era iscritto ai Ds? Era stato in Forza Italia, poi i fratelli avevano traslocato fra i Democratici di Sinistra. Si erano anche avvicinati a Rifondazione Comunista, candidandosi a finanziarla, fino a quando Francesco Forgione, rifondarolo presidente della commissione parlamentare sulla criminalità organizzata, intervenne a bloccare l’evidente intento illecito.

Il resto del mondo che ha le mani fra i rifiuti le tiene anche nella politica, senza distinzione di schieramento ed al solo scopo di fare affari. Per una lunga stagione si sono fatti a sinistra, e se sottolineo con forza quell’aderenza partitica non è per speculare o far propaganda, ma perché il male si diffonde, i partiti contaminati sono anche altri e non se ne esce se non si ha il coraggio della denuncia aperta e chiara. La sinistra non ha questo coraggio, ma neanche la destra brilla. Il fulcro della faccenda sta nel modo in cui si spartiscono i soldi e le clientele, è quello il meccanismo che porta le istituzioni a far società con i criminali.

Si chiamano “consorzi”, servono ad evitare le gare, quindi la trasparenza, e funzionano così:
a. i comuni, pertanto la politica, scelgono di unirsi per trattare condizioni migliori;
b. le municipalizzate fanno società con imprenditori privati, che entrano nel business per amicizie politiche;
c. la cosa marcia perché la camorra garantisce l’ordine pubblico e la difesa dagli interessi antagonisti;
d. i politici incassano qualche soldo e le assunzioni degli spazzini che non spazzano;
e. gli imprenditori fanno soldi senza misurarsi con il mercato;
f. la camorra accumula più potere e soldi di tutti.

Risultati:
1. spesa pubblica alta;
2. spazzatura ovunque;
3. inquinamento delle istituzioni.
Orsi pensava di potersene tirare fuori, e lo hanno ammazzato. Lo Stato e la politica che pensano? o sono già morti? Questa è la partita, e riguarda l’esistenza stessa dello Stato, non solo qualche tonnellata di pattume.

Pubblicato su Libero di mercoledì 4 giugno

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario