ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Una <i>patacca mediatica</i>

Il “fasciocomunismo”, da Latina al cyberspazio

Una <i>patacca mediatica</i>

Solo l’1,06% per la lista di Fli sostenuta da Antonio Pennacchi

di La redazione - 17 maggio 2011

Il “fasciocomunismo” di Antonio Pennacchi rimane una “patacca mediatica”. Dimostrazione del fatto che quando le idee scarseggiano, neanche giornali e tv possono fare molto. Le elezioni amministrative di Latina, infatti, a cui si sono presentati ben 13 candidati a sindaco - per 120mila abitanti con una percentuale, compresi i candidati a consiglio comunale, di 1 a 140 - hanno visto Filippo Cosignani e la lista di Futuro e Libertà sostenuta dallo scrittore pontino ottenere soli 831 voti (l’1,06%).

La vittoria infine è andata al candidato del Pdl, l’avvocato Giovanni Di Giorgi, che con il 50,9% dei voti è riuscito a passare al primo turno e a evitare il ballottaggio. Disposto a tutto Pennacchi, pur di non far vincere il centrodestra nel capoluogo laziale - città storicamente fascista - pure ad allearsi con Futuro e Libertà di Gianfranco Fini e a sostenere la lista del candidato di centrosinistra, ma non è servito, l’alleanza rosso-nera è stata sconfitta. Al primo turno. Certo il risultato definitivo si è avuto a tarda notte e il margine di vittoria è stato piuttosto risicato, ma il merito, più che alla lista sostenuta da Pennacchi, si deve a un generale vento antidestra che ha caratterizzato tutta questa tornata di amministrative. La reazione di Pennacchi a tutto ciò? “Io ho fatto una proposta. Se ve piace bene, se nun ve piace, prendetevela in saccoccia”. Forse i seppur pochi sostenitori dell’autore si aspettavano un commento un po’ più articolato, per spiegare la sonora debacle di quello che ai meno attenti era apparso come un nuovo e possibile
esperimento di governo a livello locale.

Una sortita politica piuttosto breve, quindi, quella dello scrittore, se si pensa che una volta archiviata la pratica amministrative, ha già dichiarato chiusa l’esperienza e affermato la volontà di riprendere a lavorare al suo prossimo libro, un romanzo di fantascienza. In un cyber mondo futuristico determinati scenari potrebbero in effetti anche delinearsi, forse perfino fantapolitici, certo per un vincitore del Premio Strega sarà più semplice immaginarli e raccontarli che creare le condizioni perchè si verifichino nella realtà.

Molto rumore per nulla, quindi. Grandi proclami “speravo nel 10%, eppure c’era entusiasmo, mi sono divertito”, parole da manuale di storia della politica “sarei stalinista e sono sempre per l’eguaglianza sociale, ma le ideologie del ‘900 sono finite, vale per fascismo e comunismo, anche per il liberalismo”, ma l’impegno “sul campo”, come si dice, finisce qui. Segnale di un’esperienza estemporanea, di uno scrittore soltanto prestato alla politica, capace di far parlare di sè e del caso Latina, del paradosso “fasciocomunista”, ma non di trasformare tutto ciò in risultati decisivi alle urne. Che infine, è quel che conta.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario