ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Un sistema così umilia il Paese

Con l’Europa che ci richiama all’ordine

Un sistema così umilia il Paese

Oltre al buon cuore, il ministro Mastella presenti una proposta di riforma del processo

di Davide Giacalone - 05 giugno 2006

Il fatto che le galere siano sovraffollate non è un buon motivo per concedere l’amnistia, semmai per costruirne di nuove. Che non la si conceda da molto tempo non è un buon motivo per interrompere l’astinenza, giacché un sistema di sano diritto campa benissimo anche senza mai liberare i condannati, anzi, campa meglio. Andare a Regina Coeli a promettere l’amnistia non è una buona idea, e se fosse stato Castelli a dire di sentirsi “più vicino a voi carcerati che ai magistrati”, tutte le toghe d’Italia sarebbero insorte, trasmettendo il fremito dello sdegno ai politici di complemento. Quindi, se permettere, riportiamo la questione sul piano della serietà.
Da noi non funziona la giustizia, a tal punto che rischiamo di essere presi a calci nel sedere dal Consiglio d’Europa per le continue ed intollerabili violazioni della Convenzione Europea per i Diritti dell’Uomo. Violazioni che consistono in processi la cui lunghezza scardina ogni idea di giustizia, in dibattimenti dove sono oltraggiate le prerogative della difesa, in giudici che non sono terzi perché colleghi degli accusatori, in galere fatiscenti dove un buon 40 per cento dei detenuti non ha neanche avuto una sentenza definitiva. Tutto questo, e lo ha ricordato anche Draghi nelle sue considerazioni finali, nel mentre spendiamo ed abbiamo magistrati ed amministrativi quanto altri Paesi, che invece funzionano. A questo s’aggiunga che l’amnistia non ha nulla a che vedere con la giustizia civile, dove i mali sono gli stessi ed arrecano un danno irrimediabile all’affidabilità dell’Italia.
Il ministro della giustizia, oltre a mostrarsi di buon cuore, abbia la compiacenza di presentarsi in Parlamento con una proposta di riforma del processo penale e di quello civile, dica se l’ordinamento giudiziario deve restare quello che è, si occupi del varo dei nuovi codici, anche in modo da non avere nel carcere l’unica pena praticata, calchi la via del dialogo parlamentare nel cammino verso riforme profonde e strutturali, che da molti anni sono urgenti e vitali, faccia vedere che sa riuscire dove i suoi predecessori hanno fallito. A quel punto l’amnistia non solo sarebbe opportuna, ma necessaria per non soffocare il nuovo sistema sotto il peso dei guasti del passato. Se tutto questo non succede, se questa non è la premessa della clemenza, allora diciamoci chiaro e tondo che l’amnistia serve a salvare i giudici liberando i criminali, serve a mandarli fuori con atto del Parlamento, anziché per incapacità a celebrare i processi prima delle prescrizioni, serve a tirare a campare nella pigrizia e nell’inefficienza, nel mentre si umiliano gli italiani che nella giustizia credono.

www.davidegiacalone.it

Pubblicato su Libero del 5 giugno 2006

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario