ultimora
Public Policy

Bipolarismo sotto ricatto

Un federalismo zoppo

L'approvazione della "devolution" al Senato dimostra che questo bipolarismo è ostaggio delle minoranze

di Davide Giacalone - 23 marzo 2005

Gran bagarre, ieri, al Senato, mentre si votavano le riforme costituzionali che vanno sotto il nome di "devolution" (devolution?), ma che, in realtà, intaccano il meccanismo legislativo e parlamentare, oltre al rapporto fra governo e Parlamento.

Pensando più alla televisione che al lavoro d'Aula, i parlamentari del centro sinistra issavano cartelli con su scritto: "Giù le mani dalla Costituzione". Dimenticavano di aggiungere che, nella scorsa legislatura furono proprio loro a modificare il titolo quinto della Costituzione, con maggioranza risicata ed alla fine del mandato. Erano le loro mani quelle che se ne dovevano stare giù.

Detto questo, il testo approvato è, in più di un punto, alquanto bislacco. Consegna un bicameralismo non più perfetto, ma divenuto troppo imperfetto. Un Capo dello Stato che resta irresponsabile, ma è responsabile in solitudine dei suoi atti. Una Costituzione che, nel suo complesso, non è riscritta (come pure si potrebbe), ma revisionata a spizzichi e bocconi, mediante un procedimento che è assai dubbio risponda a quello che pure i costituenti avevano previsto. A tutto questo l'opposizione si mostra contraria, anche vivacemente. In modo più silente è contraria anche parte consistente della maggioranza. Perché, allora, si va avanti?

La ragione è che ci si racconta che il nostro sia un sistema maggioritario, ma, in realtà, sono le minoranze ad avere il potere di condizionamento. Ciascun schieramento è composto da forze diverse ed eterogenee, ciascuna delle quali detiene il potere di far saltare tutto. Alla fine sono gli estremisti ad imporre il loro modo di vedere. Da una parte e dall'altra.

A questa riforma costituzionale la Lega Nord ha subordinato la propria permanenza nella maggioranza, la quale, specie nel corso del lungo ciclo elettorale, non può certo permettersi una defezione. E' da questa condizione, da questo bisogno, che nascono le odierne riforme costituzionali, che, nel loro contenuto, ne risentono pesantemente.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario