ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Un esempio di malaprivatizzazione

Gli esuberi di Telecom Italia

Un esempio di malaprivatizzazione

E’ ora di agire. Il compito della politica è quello di difendere gli interessi degli italiani

di Davide Giacalone - 05 dicembre 2008

Telecom Italia annuncia altri 4000 esuberi, per un totale di 9000 persone da mandare via entro il 2010. Sono tanti, ma non troppi. Anzi, sono troppo pochi, perché gli esuberi reali potrebbero ammontare al doppio. Esubera anche una catena dirigenziale che, da anni, si occupa solo di finanza, senza mai riuscire a dare una strategia alla società. Così com’è Telecom va allo sfascio, tutta intera. E se le banche allentano la stretta proprietaria, finisce dritto nel portafoglio di un compratore-colonizzatore, che adotterà un diverso modello di business, taglierà di brutto quel che non serve e rimetterà sul mercato un’azienda che ne uscì a causa della pessima privatizzazione. Da allora ad oggi un fiume di ricchezza ha abbandonato cittadini e risparmiatori, per allagare le casse di profittatori e speculatori.

Fatto è che dentro la Telecom, a causa dell’errore commesso con la malaprivatizzazione, c’è ancora la rete fissa con la quale telefoniamo e ci connettiamo. Era un gioiello, ora è un gruviera, ma è lì. Quando si conobbe il piano Rovati, che prevedeva l’uso dei soldi della Cassa Depositi e Prestiti per portare via la rete e ridare fiato all’indebitata proprietà, quando scoppiò il putiferio per l’invereconda gestione prodiana della faccenda, fui tra i pochissimi a scrivere: quella è roba seria. Non la condivido, ma è seria. Gli altri, quelli che oggi rivendicano addirittura di avere avuto per primi l’idea, se ne stavano rimpiattati in un cantuccio, silenti. Hanno tanto coraggio quanta indipendenza di giudizio. Ero contrario perché sarebbe folle tornare ad un’amministrazione statale e neanche ci serve una gestione conservativa della rete, che deve essere aperta alla concorrenza dei servizi ed all’investimento dei privati. Da allora ad oggi, però, si è solo sprecato tempo.

In Telecom non ci sono più le competenze per ragionare di rete, e già la sola separazione contabile destabilizzerà i bilanci. I mercati giustificano un intervento statale, ma è bene si accompagni alla gestione competente e privatistica, in modo da evitare tanto l’attuale immobilità che il varo di progetti faraonici. Il compito della politica non è quello di salvaguardare le proprietà italiane, anche se incapaci, ma di difendere gli interessi degli italiani. E’ ora di agire, per non perdere entrambe.

Pubblicato su Libero di venerdì 5 dicembre

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario