ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Un duro attacco al Made in Italy

Caso Velinitaly: attenti ai colpi mortali

Un duro attacco al Made in Italy

E’ ora di riformare la normativa sulla denominazione protetta

di Enrico Cisnetto - 07 aprile 2008

Non c’è niente da fare, siamo e rimaniamo un popolo di Tafazzi. Dopo i “cahiers de doléance” preventivi sull’Expo di Milano, che secondo i soliti giustizialisti – questa volta in versione ex ante – porterà scempi e tangenti, e non invece risorse e infrastrutture, ecco che all’apertura del Vinitaly, il più importante appuntamento nazionale di un settore, quello vitivinicolo, che da solo rappresenta un quinto del nostro export agroalimentare, arriva puntuale un’inchiesta giornalistica sui vini adulterati e sui raggiri alle regole del marchio Doc. Accuse pesantissime nel primo caso, veniali ma ugualmente “montate” nel secondo, che dopo la “mozzarella alla diossina” assestano un colpo mortale al made in Italy e dunque alla credibilità del Paese. Sia chiaro: se adulterazioni e truffe ci sono state, vanno punite col massimo rigore. Ma con un doppio distinguo.

Uno: prima l’accertamento e la condanna, poi la pubblica esecrazione, non viceversa. Due: un conto sono le fattispecie più pesanti – come l’uso di sostanze velenose – per le quali i responsabili dovranno pagare duramente, e sparire per sempre dal mercato, un altro è l’eventuale mancato rispetto dei disciplinari Doc, che merita una valutazione diversa e più articolata. Si parla, infatti, di “Brunello taroccato” – come a suo tempo di è detto per il Barolo o il Soave – ma in realtà saremmo di fronte ad un vino fatto non con Sangiovese in purezza, come impongono i ferrei disciplinari, bensì arricchito di una percentuale minima di altri vitigni. Sicuramente un atto di lesa maestà per i puristi, ma che non rappresenta né un problema per la salute né un’alterazione della qualità del prodotto, e che dipende dall’esplosione della domanda – per i “supertuscans” non riusciamo a stare dietro alle richieste – e dalla modificazione del gusto dei consumatori (nel caso specifico, di quelli americani).

Dunque, pensiamoci prima di sputtanare aziende di grande prestigio, e rischiare così di mettere in crisi un settore decisivo per la nostra economia (come in Sicilia). Anzi, per essere seri e costruttivi, cogliamo l’occasione per mettere mano a una riforma della normativa sulla denominazione protetta. Che senso ha, infatti, mantenere disciplinari così rigidi se poi proprio le aziende più significative devono rinunciare a fregiarsi del marchio? Basta citare Angelo Gaja, “The King of Barolo” come lo ha soprannominato Wine Spectator, che ha rinunciato alla denominazione di origine controllata per il suo vino,perché le regole sono troppo strette. Col risultato che ora il miglior barolo in circolazione si chiama Langhe. Un caso paradossale, possibile solo in un paese autolesionista come l’Italia.

Riusciamo ad immaginarci una cosa del genere in Francia, dove invece – miracolosamente – i “cru” di Champagne continuano ad aumentare, sulla scia della crescente domanda internazionale? No di certo. Cerchiamo di essere pragmatici, allora, e prendiamo esempio proprio dai cugini francesi: puntiamo sulla trasparenza, fissando per le denominazioni di origine una quantità minima del vitigno-base, e indicando poi chiaramente in etichetta gli ulteriori componenti. Così si faranno contenti tutti: il purista che pretende il brunello filologico, così come chi ha il palato meno raffinato. Ma soprattutto si tuteleranno davvero i produttori italiani, che combattono con il super-euro in un mercato globale in cui la concorrenza è sempre più spietata.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario