ultimora
Public Policy

Il clima disteso di oggi non è garanzia del domani

Un bon ton destinato a durare?

Le scelte non sono più rinviabili. Il governo deve agire. E l’opposizione può scegliere di collaborare o no

di Davide Giacalone - 16 maggio 2008

Domanda: quanto il clima disteso ed il bon ton parlamentare dipendono dalla volontà di riformare l’Italia nel modo più condiviso possibile, e quanto dal fatto che è esausto, dopo numerose elezioni sempre eguali a se stesse e con il governo sempre perdente, il bipolarismo del muro contro muro? Sarebbe bello e bene prevalesse il primo ingrediente, ma vi sono vistose presenze anche del secondo. Il fatto singolare è che, dopo tanti anni di non governo e risse su tutto, si tenta d’innescare il dialogo nel momento in cui le scelte non sono più rinviabili. Tale contraddizione m’induce a dire che il governo si gioca la propria efficacia nel primo anno, a partire da adesso.

Difatti, se si prendono degli esempi a caso, fra le questioni più urgenti, si trovano sempre le ragioni di un conflitto lungo e duro, fra i due poli. Parliamo di sicurezza? Non c’è nessuna possibilità di offrire sicurezza se non si fa funzionare la giustizia, e non ci si riesce se si segue la volontà corporativa e conservativa della magistratura associata. Riduzione del debito? E’ necessario il taglio delle spese, che porta con sé il colpire le rendite di posizione, perché puntare sulla ripresa economica significa spostare tutto in avanti. Premio al merito ed al valore? Non esiste se non c’è anche retrocessione per chi non merita e non vale. Rifiuti per la strada? Non si possono nascondere in un buco, e non si risolve il problema senza smontare la ragnatela d’interessi e connivenze che su quel disastro si è tessuta. E così via.

In ciascuno di questi casi il governo deve trovare la forza, il coraggio e le idee chiare per agire, mettendo nel conto il dispiacere di pochi a vantaggio di molti. L’opposizione può scegliere: o collabora con proposte costruttive, parlando al futuro del Paese, oppure cavalca ciascun dissenso per sommare mozziconi di rivolta e malcontento al fine di ottenere il risultato che caratterizza la seconda Repubblica, sconfiggere il governo. Fra un anno si vota per le europee, dopo di che la sinistra regolerà i propri conti. Il bel clima, sempre che sia serio, vive in questo spazio, per il dopo nessuno garantisce. E’ bene, anche per l’opposizione, che quest’anno sia zeppo di cose fatte e di scelte, che alle verifiche si arrivi facendo i conti con le cose, non con le chiacchiere.

Pubblicato su Libero di venerdì 16 maggio

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario