ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Un altro grande mercato estero perso

Telecom: la fine dell’avventura brasiliana

Un altro grande mercato estero perso

Il sistema-Paese ove l’opacità regna ed il crimine paga

di Davide Giacalone - 29 aprile 2008

L’avventura brasiliana di Telecom Italia è definitivamente persa. Chiusa nel settore del fisso, diventa critica in quello del mobile. Potrebbe essere una normale vicenda di mercato, se non segnasse anche la sconfitta del nostro intero sistema, compreso quello giudiziario. La faccenda specifica è semplice: Tele Norte Leste compra Brasil Telecom (dove eravamo, prima di privilegiare l’affarismo), consegnando ad investitori brasiliani il mercato. Il sistema di quel Paese, che aveva posto paletti insuperabili all’accordo fra italiani e spagnoli, ora s’adatta a spianar la strada ad un gigante interno, che controlla fisso e mobile. In un sol colpo si cambierà la legge e si porranno i separati italiani, spagnoli e messicani nella condizione di dover inseguire. I campioni nazionali sono avvantaggiati, mentre i competitori, italiani in testa, hanno fatto tutto il possibile per conquistarsi un cattivo nome.

Per noi italiani è l’ultimo grande mercato estero, nelle telecomunicazioni, che comincia ad andarsene, nel mentre il nostro mercato interno è sempre più degli stranieri. In tutti questi anni siamo riusciti a privatizzare pessimamente, a consentire scalate fuori dalle regole, ad agevolare violazioni della legge, ad aprire inchieste penali su fatti gravissimi, senza però mai giungere ad una conclusione. Sono rimaste inerti le autorità di garanzia, mentre gira a vuoto la giustizia penale.

In questi giorni la gestione Bernabè-Galateri provvede al cambio della dirigenza. Da una parte si deve osservare che l’attuale assetto proprietario è già precario e specchio di un equilibrio passato, dall’altra si deve prendere atto che i dirigenti passano senza che nessuno di essi sia stato chiamato a rispondere delle pericolose deviazioni interne. Né dagli azionisti, né dalla giustizia. Né come incapaci, né come complici. Ora non si sa quanto altro tempo la giustizia impiegherà per fare il suo lento corso, si sa, però, che opererà sul passato, in sede autoptica, con ciò stesso consegnando l’immagine di un Paese ove l’opacità regna ed il crimine paga. I capitali che si muovono in giro per il mondo già hanno dei dubbi sulla redditività dell’Italia, hanno ora una prova in più dell’assenza di certezza del diritto. Queste cose non le leggo, quindi: o mi sbaglio, o l’omertà è agghiacciante.

Pubblicato su Libero di martedì 29 aprile

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario