ultimora
Public Policy

Si rischia di dimenticare la guerra

Telecom, scandalo spioni?

In Brasile gli italiani hanno apparentemente perso un sacco di soldi. Ma gratta gratta...

di Davide Giacalone - 03 dicembre 2007

I vertici di Telecom Italia erano informati “in tempo reale” di tutto quello che gli spioni facevano. Parola di Fabio Ghioni, collaboratore di Tavaroli, a sua volta uomo di fiducia di Tronchetti Provera. Le implicazioni penali sono evidenti, ma non di nostra competenza. E, del resto, lo abbiamo già scritto tante volte. Le scene dello scontro spionistico sono sempre più dettagliate, ma la polvere della battaglia rischia di far dimenticare il perché della guerra. Perché si scatenò l’inferno? Gli italiani rispondono: per difenderci dagli attacchi della Kroll, assoldata dai brasiliani. Risposta esatta, ma largamente elusiva. Lo scandalo è assai più grosso.

In Brasile gli italiani hanno apparentemente perso un sacco di soldi, in realtà li hanno fatti sparire. La storia di Telecom s’intreccia saldamente con quelle di Cirio e Parmalat, raccontando di fondi illecitamente costituiti all’estero ed altrettanto illecitamente sottratti ai risparmiatori, al mercato ed ai bilanci di società quotate. Quei soldi sono serviti per finanziare forze politiche straniere, ma non solo. Ricordate? Anche dal conto All Iberian uscirono soldi diretti ad Arafat, ma questo non impedì d’indagare occhiutamente sul resto. I soldi di Tim sono defluiti anche verso la Tecnosistemi, incaricata, senza contratto (e poi fallita), di realizzarne la rete. Solo che, in Brasile, Tim e Tecnostistemi erano parenti nella proprietà ed amministrate dalla stessa persona, che aveva prima amministrato Cirio e Parmalat. Com’è piccolo, il mondo. Presi da delirio di potenza gli italiani pensarono di potere fare di tutto, compreso soffiar via Brasil Telecom ad un bahiano, Dantas, fregandolo in casa. Lì comincia la guerra, ma, come si vede, ben altro ne è la causa.

Si scandagli pure il mondo degli spioni, ma guai a non capire perché li si mosse. Guai, perché è in quel passaggio precedente che sta tutta l’arretratezza e l’opacità del mercato italiano, tutta l’inconsistenza delle nostre autorità di controllo. Magari gli spioni saranno processati e puniti, ma son solo gli stracci, gente che obbediva ad ordini. Mentre interessi e protagonisti reali restano sullo sfondo, fiduciosi nel tempo che scorre. Poi, un giorno, si parlerà di “ulteriore mistero”, di storia non scritta, fingendo sia tenebra la brillante luce del sole.

www.davidegiacalone.it

Pubblicato da Libero di sabato 1 novembre

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario