ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Tedesca o italiana? Il governo decida subito

Ansaldo Energia

Tedesca o italiana? Il governo decida subito

Non si tratta solo di un’offerta italiana contro un’eventuale offerta tedesca ma di una diversa impostazione distrategie industriali. Il governo decida. Ma in fretta

di Enrico Cisnetto - 09 novembre 2012

Al massimo qualche giorno, e la proposta di Cdp-Fsi per l’acquisto di Ansaldo Energia, sarà sul tavolo del vertice di Finmeccanica. Può darsi che a quel punto anche la Siemens, che non ha mai formalizzato alcuna offerta, metta nero su bianco le sue intenzioni. Vedremo così se i tedeschi vogliono davvero il 100% della società genovese e quanto effettivamente sono disposti a pagarla. E vedremo quale “cordata” italiana si sia formata, e soprattutto che tipo di indicazioni fornisce.

Se, per esempio, sarà confermato quanto si dice, e cioè che si tratta di una proposta articolata, che inizialmente prevede l’acquisto di poco meno della metà del 55% di Ansaldo ora in mano a Finmeccanica (per evitare che scatti il meccanismo contrattuale che assegna al fondo americano First Reserve, che possiede il restante 45%, il diritto di dire la propria se si vende un’azione in più della metà del pacchetto di maggioranza), ma che poi indica passaggi ulteriori, sia in termini di ricapitalizzazione dell’Ansaldo sia in termini di acquisto delle quote residue, il 28% che rimarrebbe a Finmeccanica e il 45% degli americani se esercitassero la put che hanno in mano. Dossier che avrebbe un capitolo decisivo nell’idea, cui starebbero lavorando i vertici di Cassa Depositi e di Fondo Strategico, di organizzare intorno alla società guidata da Giuseppe Zampini una vera e propria filiera industriale del settore. Insomma, come si vede, non si tratta solo di un’offerta italiana contro un’eventuale offerta tedesca (con tutto ciò che ne consegue, visto che stiamo parlando di brevetti tecnologici di grande importanza) – che qualche liberista scolastico, da perfetto ignorante, ha voluto ribattezzare “operazione statalista” contro “operazione di mercato” – c

Il vero tema, però, è un altro: chi riceve le offerte e chi le giudica. Ovvio che l’indirizzo sia quello di piazza Montegrappa, sede a Roma di Finmeccanica. Ma quel destinatario è oggi in condizione di prendere decisioni del genere? Ed è opportuno che l’azionista dell’azionista di Ansaldo, cioè il Tesoro (formalmente) e il governo nel suo insieme (quanto a responsabilità politica), lasci al management, per di più condizionato da molte questioni che a torto o a ragione gli gravano addosso, una scelta con implicazioni strategiche importanti per l’intero sistema-paese? Finora si sono sentiti solo imbarazzanti silenzi. Ma non è più possibile continuare così. Zampini ha svolto in piena legittimità il suo compito di responsabile delle sorti di Ansaldo Energia. Gorno Tempini e Tamagnini hanno svolto un egregio lavoro di “banchieri” con visione strategica. Da Orsi non si pretende nulla, tranne che non voglia scaricare su questo vicenda il costo di altre. Dal governo, invece, ci si aspetta che batta un colpo. Decisivo.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario