ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Tangenti Telecom e omertà politica

La spy story della telefonia brasiliana

Tangenti Telecom e omertà politica

Prima o poi tutti i nodi verranno al pettine. Basta avere solo un po' di pazienza

di Davide Giacalone - 16 novembre 2007

Leggete questa storiella brasiliana e sforzatevi di tradurla in italiano. Capirete molte cose che vi sono passate sotto al naso, capirete perché oggi si fa finta di scoprire quel che noi scriviamo da anni. Allora: c’era una volta il Parlamento brasiliano, dove leggendo i giornali di quel Paese si viene a sapere che quelli di Telecom Italia pagavano delle tangenti a governanti, politici e poliziotti brasiliani. Leggono anche le dichiarazioni di Luciane Araújo, un’interprete che per gli italiani ha tradotto telefonate e ricevute dei corrotti locali.

Scandalo, indignazione, e la solita gnagnera: fuori i nomi. Due deputati dell’opposizione annunciano: andremo alla procura di Milano a farci dare l’elenco degli infedeli alla Patria. Li intercetta Piero Marini Garavini, italiano residente in Brasile, che da anni accumula documenti sul malaffare, e suggerisce ai due di risparmiare tempo e soldi, giacché basterà andare presso la procura generale, a Brasilia, accedere ai 32 volumi delle sue denunce e troveranno tutti i nomi. Quelli vanno, ci trovano i nomi della sinistra e degli amici di Lula, ma ci trovano anche quelli degli amici loro. Dopo di che l’indignazione ha messo il silenziatore, e caipirinha per tutti. La favola funziona anche da noi: ogni tanto le inchieste hanno un sussulto, i giornali strillano qualche incredibile novità, ma è tutta roba che si sa da anni. Funziona come nei racconti del tenente Colombo, dove l’assassino si conosce all’inizio ed il divertimento consiste nello scoprire come fa l’investigatore a riconoscerlo. Questi fattacci si verificarono durante la gestione di Colaninno, sponsorizzato da D’Alema. La security di Telecom era guidata da Tavaroli in nome e per conto di Tronchetti Provera. Gli aspetti penali sono di competenza di un tribunale che non si vede manco all’orizzonte. L’elenco degli indagati è, al momento, leggermente distante da quello dei reali protagonisti. Mano a mano che si farà luce sotto lo splendore del sole, almeno, ci sia risparmiata l’aria meravigliata del “chi l’avrebbe mai detto”. A proposito, ecco uno scoop: i vertici che governavano l’azienda all’epoca dei tigrotti scatenati e spianti sono in larga parte gli stessi che la governano oggi. E trattasi di società quotata. Abbiate pazienza, e vedrete che se ne accorgeranno.

Pubblicato su Libero di venerdì 16 novembre

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario