ultimora
Public Policy

Governo, Imu & Iva

Svolta radicale per l'economia

Di compromesso in compromesso rischiamo il commissariamento dell'Europa

di Enrico Cisnetto - 02 settembre 2013

Se l’alternativa allo scambio Imu-Service tax era la crisi di governo, magari accompagnata dalle dimissioni di Napolitano, non c’è dubbio: meglio così. Ma ci volevano mesi per arrivare ad un banale compromesso come quello di eliminare la tassa, per accontentare il Pdl, e poi rimetterla sotto altro nome? Non si era detto che questa sarebbe stata l’occasione giusta per ripensare l’intero sistema di tassazione? E che bisognava fare lo sforzo di trovare le risorse – tagliando spesa corrente – per una riduzione consistente e duratura della pressione fiscale? Come si fa a immaginare che gli investimenti riprendano, dandoci qualche chances di uscire dalla recessione e imboccare la strada della crescita, se in attesa della Service tax – che andrà ad aggravare la già pesante situazione di tasse e tariffe di natura locale – se si calcola (come la Cgia di Mestre) che con la Tares per i capannoni industriali si prospettano aumenti dal 20% al 30% fino a un massimo di 1.133 euro nonostante che crisi produttiva e calo dei consumi abbiano ridotto la quantità di rifiuti da smaltire?

La grande coalizione, anche se forzata, dovrebbe servire a fare cose che le due coalizioni separatamente sono state incapaci di realizzare, non per trovare il minimo comun denominatore. Stessa cosa vale per il gioco di prestigio fatto sui precari. E, temiamo, non diversamente sarà per l’Iva: braccio di ferro tra Pdl e Pdl, che già si palleggiano la responsabilità dell’eventuale ritocco di un punto, e poi mediazione al ribasso. Attenzione, però: di compromesso in compromesso, non solo non si fanno le riforme strutturali che invece dovrebbero essere la cifra di un governo “indispensabile” come quello Letta, ma si rischia un intervento a gamba tesa dell’Europa, che non si fida dei nostri numeri – e come darle torto – temendo che la previsione di restare sotto la linea del 3% di deficit-pil sia basata su entrate non certe.

Sullo sfondo di un dibattito politico ancora tutto legato alla “questione Berlusconi”, c’è dunque la Commissione europea pronta ad “intimare” all’Italia di assicurare la sostenibilità della finanza pubblica attraverso coperture certe per tener fede agli impegni presi e sottoscritti dai governi Berlusconi e Monti (che proprio su Imu e Iva contavano per rispettare l’obiettivo del deficit al 3%). Il rischio, altrimenti, è quello di un commissariamento, tanto più facile da attuarsi dopo l’appuntamento elettorale tedesco di fine settembre. E non saranno i buoni rapporti personali tra Letta e la Merkel a salvarci, e neppure l’adesione italiana all’isolazionismo eurogermanico nel caso Obama si decida ad attaccare militarmente la Siria.

Altro che luce in fondo al tunnel e aggancio della ripresina europea, qui si rischia grosso. Per questo, la speranza è che le forze produttive, imprese e lavoratori, escano allo scoperto e riescano a farsi interpreti della necessità di una svolta radicale, capace di far davvero fruttare la stabilità che il governo Letta si è guadagnato e, speriamo, si guadagnerà anche solcando il guado del caso Berlusconi. Senza la pressione, possibilmente unitaria, del mondo imprenditoriale e del lavoro – che devono finalmente assumersi quelle responsabilità “politiche” che finora, per un motivo o per l’altro, hanno scansato – sarà improbabile che la politica dei piccoli passi lasci spazio alle grandi falcate. (twitter @ecisnetto)

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario