ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Squadra che pareggia gioca in 12

Aumentano i Ministri. Vince la partitocrazia

Squadra che pareggia gioca in 12

Prodi ignora la riforma Bassanini e non mantiene la promessa sulle donne al potere

di Paolo Bozzacchi - 17 maggio 2006

Un primo passaggio a vuoto. Con la presentazione della squadra di governo, Romano Prodi e la coalizione di centro-sinistra dimostrano le prime effettive difficoltà di tenuta. Oltre ai piedi puntati dei Comunisti italiani e della Rosa nel Pugno, infatti, il dato che più sorprende, in totale controtendenza rispetto alla riforma Bassanini, è quello del numero dei ministeri: ben 26, il più alto degli ultimi 10 anni.
E’ la riprova che il bipolarismo non solo è morto, ma è stato seppellito ancora agonizzante da un prepotente ritorno della partitocrazia, e del famoso “bilancino” con il quale sono state assegnate le poltrone che contano. Lo scorporo dei dicasteri dell’istruzione e del settore infrastrutture e trasporti ne sono la prova più lampante. Altro che valorizzazione della ricerca e dei trasporti. E’ stato semplicemente un modo, alla luce del pareggio elettorale, per essere in grado di accontentare tutti e sopratutto poter giocare una metaforica partita di calcio dagli esiti assai incerti in 12 o 13, senza contare che ciò comporterà maggiori spese e un ingarbugliamento ulteriore dell’apparato burocratico dello Stato.
Segnali altrettanto contrastanti arrivano dallo scarso coinvolgimento delle donne nell’esecutivo. La promessa di averne “almeno un terzo” è stata disattesa da Prodi, con sole 6 rappresentanti su 26 componenti il governo (23,07%), tra cui solo una (Livia Turco alla Salute), occupante un ministero con portafoglio di una certa rilevanza.
Fanno riflettere, quindi, le prime dichiarazioni del premier, costretto dalle circostanze ad affermare: “il governo durerà cinque anni” e “speravo di più, ma siamo passati comunque da 2 a 6 donne”. Nel primo caso Prodi tenta con scarso successo di rassicurare gli osservatori e gli addetti ai lavori. Nel secondo, ahinoi, si smentisce e rivela più di qualche lacuna in fatto di leadership.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario