ultimora
Public Policy

Il Fisco batte dove il dente duole

Soldi veri, parole meno

Quando è lo Stato il pessimo pagatore…

di Davide Giacalone - 24 marzo 2009

Soldi veri sono quelli che lo Stato deve al sistema delle imprese, essendo un pessimo pagatore, lentissimo nello sganciare e minaccioso se il cittadino chiede giustizia. Dopo l’incontro fra il presidente del Consiglio e quello della Confindustria è stato detto che sono “allo studio” misure per effettuare i pagamenti entro 60 o 90 giorni. Il che sarebbe normale. Dovrebbe essere una notizia rassicurante, invece contiene elementi preoccupanti.

Ammesso che si arrivi a quella conquista, che, lo ripeto, dovrebbe essere la normalità, riguarderebbe i pagamenti da quel momento in poi. Per i pregressi, che attendono da un anno, non solo non si dice nulla, ma c’è il rischio che si debba attendere più a lungo, visto che il gettito fiscale flette e la cassa è impegnata per i creditori più freschi. Insomma, è come dire che siccome la fila allo sportello è troppo lunga, dalle ore dodici in poi chi arriva passa prima, e chi era in fila aspetta che sia servito. Lo Stato, inoltre, non paga quanti sono in contenzioso con il fisco. Non si devono avere esperienze amministrative per capire che se ti costringono a far da banca a favore dello Stato, non potendo ritardare altri pagamenti, è facile che gli strozzati siano in lite con l’erario.

Sempre in tema fiscale: ma non si era annunciato che l’iva si sarebbe pagata per cassa, solo una volta incassate le fatture? Tale era il contenuto di un decreto legge, approvato il 28 novembre scorso e presentato come un concreto aiuto alle aziende. A parte il fatto che non era un aiuto, perché l’iva è una partita di giro e si tratta solo di non pretenderla prima che il cliente l’abbia versata, chi l’ha visto? Da allora ad oggi, nessuno, o pochissimi, con fatturati minimi, per i quali, oltre tutto, era già vigente un regime speciale. E’ vero che i professionisti si salvano grazie all’avviso di fattura, ma solo perché, appunto, la fattura la fanno dopo e secondo un costume assai precedente a quel decreto.

E se il creditore non paga? Stai fresco, perché la giustizia è capace di metterci una decina d’anni, nel corso dei quali paghi anche le spese. Nel frattempo il fisco vuole quel che gli spetta, sull’unghia, altrimenti vai in contenzioso e poi non ti pagano. Sembra il cane che si morde la coda, salvo rendersene conto ed azzannare un passante.

Pubblicato su Libero di martedì 24 marzo

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario