ultimora
Public Policy

“Processo breve”: l’ennesima bagarre in aula

Senato: una realtà surreale

Finché la sinistra non avrà idee chiare si giocherà la possibilità di far politica seria

di Davide Giacalone - 21 gennaio 2010

C’era un tocco di surrealtà, ieri, nell’Aula del Senato. Si doveva votare il così detto “processo breve” (che non è breve manco per niente) e si era alle dichiarazioni di voto. Quando ha parlato il capogruppo del Partito Democratico, ha illustrato tutti gli sforzi da loro fatti per accorciare i tempi patologicamente lunghi della giustizia italiana. Quando ha preso la parola il capogruppo del Popolo delle Libertà, ha fatto osservare che mentre la Corte Europea di Strasburgo considera ragionevole un tempo processuale fra i 6 e gli 8 anni (a me ne risultano quattro, ma lasciamo perdere), la legge in votazione ne consente uno oscillante fra i 10 e i 15. Dopo di che, ci si sarebbe aspettati, visto il nome del provvedimento, che il primo votasse a favore e il secondo contro. Invece avveniva il contrario.

La verità è che la proposta, che ora passa all’esame della Camera, non accorcia i tempi, non agisce dentro i meccanismi processuali, ma fissa dei limiti. E’ un incentivo a sbrigarsi (si fa per dire), non un aiuto in tal senso. Sicché, posto che tali limiti sono sempre troppo alti, la vera discussione dovrebbe vertere su come agguantarli. Faccio esempi concreti: a. obbligare i magistrati a rispettare tutti i tempi già previsti dalla procedura, mentre oggi li sforano alla grande; b. regolare in modo diverso le notifiche. Non sono proposte che risolvono tutto, ma sistemi per far camminare il pachiderma.

Si litiga sul termometro, stabilendo che dopo una determinata temperatura lo si butta, anziché sulla malattia. La maggioranza ha ribadito, ieri, di volere continuare la propria azione riformatrice. Sarebbe ora. Ma l’opposizione ha preferito alzare la bandiera del voto contrario, mettendo le proprie parole in contraddizione con le azioni.

Cerchiamo, se possibile, di vedere il lato positivo: una volta approvata questa legge, il calor bianco della polemica, come al solito concentrata sui procedimenti che riguardano il presidente del Consiglio, scemerà. A quel punto sarà possibile ragionare, dando modo di verificare chi parla avendo a cuore la giustizia e chi per pura propaganda, o interessi di parte.

La sinistra dovrà cogliere il momento e l’occasione, altrimenti si condannerà ad essere solo lo schieramento del giustizialismo e del no, affossandosi in una posizione che, dal 1994 ad oggi, frutta isolamento politico e svantaggio elettorale. La finestra che si apre dopo le regionali, finita l’ennesima campagna elettorale, è, pertanto, più unica che rara. La sinistra si giocherà la possibilità di far politica, seria, guardando al futuro, piuttosto che al passato.

Pubblicato da Il Tempo

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario