ultimora
Public Policy

Una presa di coscienza dell’identità nazionale

Se la Germania diventa Svezia

La Grosse Koalition rappresenta tutto il Paese, e porterà a un cambiamento epocale

di Antonio Gesualdi - 15 novembre 2005

La Grosse Koalition, tedesca, è una soluzione politica che potrebbe essere l"inizio di una vera e propria svolta nella storia europea: una Germania che diventa Svezia. Mi spiego.

Una coalizione che comprende il 70% del consenso politico rappresenta, in una democrazia, tutto il Paese. E quando non una maggioranza semplice è al governo possiamo ritenere che quel Paese abbia scelto una direzione.

I tedeschi sono portatori di quella che gli antropologi culturali chiamano "famiglia souche"; ovvero una struttura portatrice di un sistema di valori autoritari e inegualitari. Un sistema molto verticale di relazioni intime e, per molti aspetti, opposto a quello neoliberale e iper-individualista. L"antagonismo tra la tradizione culturale e di mentalità dei tedeschi e un sistema di mercato - ma non solo - ultraliberale avrebbe potuto creare spaccature sociali troppo dirompenti nella Germania riunificata. Lo stallo di questi anni di una delle economie più dinamiche del mondo ne era uno dei risultati. La presa di coscienza di questo antagonismo deleterio potrebbe spiegare il rifiuto politico dei due grandi partiti, che hanno finito per coalizzarsi, di trattare sia con i comunisti, sia con i verdi. E proprio i verdi, a mio avviso, hanno dimostrato di non aver capito questo processo chiamandosi fuori e, di fatto, definendosi una forza politica di sinistra e non neutra o nuova. I verdi tedeschi, come quelli italiani, appartengono alle ideologie dell"Ottocento e non a nuove istanze moderne. La storia dei Grunen tedeschi, soprattutto berlinesi, è evidentemente molto diversa da quella degli ambientalisti anglosassoni.

Dunque una Grosse Koalition voluta da una classe dirigente che si è dimostrata all"altezza con i dati che si sono presentati e in un processo storico ben determinato. Certo una migliore integrazione dei tedeschi dell"Est avrebbe potuto far fare scelte più semplici; o di qua o di là. Ma, evidentemente, la grande Germania non ha ancora finito di elaborare la riunificazione. Perché è indubbio che questo voto, e il risultato che ne è scaturito, prevede anche il recupero pieno della popolazione dove si è affermato ed è più diffuso il protestantesimo: e anche più a sinistra e più nazionalista.

Se così è sotto la Grosse Koalition si sta muovendo una forte riunificazione - culturale e di mentalità - che se non devierà verso un improbabile nuovo pangermanesimo potrebbe fare di un paese di 80 milioni di abitanti una grande Svezia nel bel mezzo dell"Europa.

Cosa può significare questo per l"Unione europea, nei rapporti con gli angloamericani, è tutto da vedere; di certo per i tedeschi riuniti si tratta di una forte presa di coscienza della propria identità nazionale. Il voto che ha portato alla Grosse Koalition è un voto che teme la disgregazione e le spaccature sociali.

E" per questo che una Grossa Coalizione - ma ancora meglio una nuova Assemblea Costituente come abbiamo sempre detto - sarebbe opportuna anche per noi italiani. Prima, però, ci vuole una presa di coscienza dell"identità nazionale.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario