ultimora
Public Policy

La crisi non è il salvagente di chi ha sbagliato

Rottamazioni debiti e sprechi

Bisogna investire per creare lavoro, far crescere il sapere, agevolare l’aumento di produttività

di Davide Giacalone - 21 ottobre 2008

E’ bastato che la crisi finanziaria abbia riportato in luce l’intervento dello Stato nel mercato che già arrivano le candidature a rottamazioni ed aiuti alle singole imprese. Non solo è una strada sbagliata, ma lo spacciarla come una novità è davvero troppo: si è sempre fatto così, senza per questo far crescere campioni europei, in compenso accumulando un debito pubblico senza pari in Europa. Fermiamo i furbi e ragioniamo d’interesse collettivo.

Può far piacere leggere un neo premio nobel (Krugman) sostenere che non è proprio il momento di occuparsi del debito pubblico, ma per noi che siamo i più indebitati veder crescere quelli altrui significa accumulare svantaggi competitivi per le nostre aziende. Lo facciamo crescere anche noi? Entro certi limiti, perché altrimenti faremo lavorare non solo i nostri figli, ma anche i nipoti per rimediare alle nostre incapacità (che sono prevalentemente politiche). Né abbiamo più l’arma della svalutazione solitaria, nostra seconda droga. Si dovranno mettere nel piatto soldi pubblici, è vero, ma indirizzandoli verso i salvataggi aziendali finiremo con il darne tanti a pochi, senza che l’effetto positivo si risenta pienamente su tutto l’indotto.

Salirebbero i consumi, non la produttività. Inoltre: la crisi non può essere il salvagente di chi ha sbagliato. Giusto allungare una ciambella al mercato, ma il management che ha dimostrato così straordinaria lungimiranza può anche togliere il disturbo. Ritengo, pertanto, che abbia ragione il ministro Sacconi nell’escludere il ritorno a vecchi e non sani costumi.

I soldi vanno spesi, ma investiti dove si crea lavoro, si fa crescere il sapere, si agevola l’aumento di produttività. Quindi opere infrastrutturali: nella comunicazione, nella mobilità, nell’energia. Accompagnandoli con dosi massicce di meritocrazia, selettività e competizione. Dobbiamo rimettere i migliori a correre, liberando le prime file da relitti zoppicanti. La ricchezza che investiremo, anche pesando sul deficit, anche aggravando l’esposizione debitoria, dovrà essere percepita come un vantaggio collettivo, come uno sforzo straordinario per liberare il Paese dal suo passato peggiore, riaprendogli la via dell’orgoglio e dello sviluppo. Le furbate sono pericolose, quando si allungano le mani verso le tasche dei neonati.

Pubblicato su Libero di martedì 21 ottobre

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario