ultimora
Public Policy

I rimpasti estivi in tema di welfare e lavoro

Riforme: siamo alle solite

Le promesse da marinaio del Premier Romano Prodi e gli pseudo-accordi

di Alessandra Servidori - 30 luglio 2007

Siamo alle solite. Il gallo non ha ancora cantato tre volte, ma Romano Prodi ha già rinnegato l’accordo del 23 luglio (il giorno dedicato a S. Tommaso), di cui aveva cantato le lodi e l’intangibilità fino a cinque minuti prima di incontrare los quatros caballeros della sinistra rosso-verde. Ferrero, Mussi, Bianchi e Pecoraro Scanio sono usciti soddisfatti dall’incontro con il premier, il quale – a loro dire – si sarebbe dichiarato disposto a rivedere l’intesa sottoscritta con un inchiostro ancora fresco. In sostanza, mentre la politica si appresta a chiudere bottega per le vacanze estive, sulla delicata questione delle pensioni, del welfare e del mercato del lavoro, lo scenario è cambiato in pochi giorni.

L’accordo di S. Tommaso aveva sancito una piccola svolta nel campo di Agramente della sinistra politica e sindacale. Tanto Prodi, quanto Epifani si erano resi conto che l’alleanza (di entrambi, ognuno per suo conto e con proprie finalità) con il Prc non portava da nessuna parte: paralizzava l’Esecutivo e privava il sindacato di ogni margine negoziale. Così, Governo e sindacati (Cgil compresa) hanno deciso che l’accordo andava cercato e raggiunto. Certo, Guglielmo Epifani sperava in un’ulteriore resa incondizionata dell’Esecutivo. Ma Tommaso Padoa Schioppa – spalleggiato da una tardiva e timida discesa in campo delle componenti moderate della coalizione - ha tenuto il punto, facendosi carico delle esigenze politiche della maggioranza (superare lo “scalone” è stato comunque un errore), ma impedendo una deriva rinunciataria che avrebbe suscitato pesanti critiche da parte della Ue ed effetti devastanti sull’equilibrio dei conti pubblici, a partire dalla prossima Finanziaria.

L’operazione complessiva rimane comunque a rischio per quanto riguarda le compensazioni e soprattutto finisce per poggiare su di ulteriori aumenti delle entrate contributive, proprio a carico di quei giovani che si vorrebbero tutelare e ai quali è stata avanzata la “promessa da marinaio” di un tasso di sostituzione pari al 60% dell’ultimo reddito, in palese violazione del tanto decantato modello contributivo. Inoltre, il Governo – non poteva essere altrimenti – ha concordato con i sindacati pochissime modifiche della legge Biagi, togliendo improvvisamente così il drappo rosso che sventolava davanti agli occhi delle formazioni comuniste. E questa mossa è sembrata addirittura un inaccettabile sgarbo per delle forze politiche che si nutrono di becera ideologia. Ecco perché è su questo aspetto che dovremo aspettarci l’affondo della restaurata alleanza tra le componenti rosso-verdi e la Cgil. I “distinguo” di Epifani sono gli stessi che i quattro ministri hanno sottoposto venerdì al presidente del Consiglio: vengono presi di mira la “spalmatura” dello scalone; la revisione moderata del contratto a termine; le flessibilità concesse alle imprese (e ai lavoratori) in materia di straordinario. Ma soprattutto si vuole colpire più profondamente la legge Biagi, nonostante che sia evidente e provata la sua utilità a favore dell’occupazione.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario